Quantcast

Enpa Ravenna: “La moda insensata di adottare cani di taglia grande per poi abbandonarli in canile”

Enpa: "Circa il 30% delle presenze nel canile comunale di Ravenna è costituito da animali 'non adottabili' e quindi condannati a trascorrere la loro vita restante incarcerati in un box"

Enpa Sezione Provinciale di Ravenna condanna in una nota “il fenomeno – spiega – che è da individuarsi nella condotta sconsiderata di un numero sempre più crescente di persone incapaci di rapportarsi con un cane.”

“Ci troviamo così – prosegue Enpa – ad esternare alla pubblica opinione quelle che per noi sono delle autentiche malefatte, commesse da soggetti incoscienti in danno degli animali e della società. Anche nel territorio ravennate, infatti, da circa un anno si è acuita la moda insensata di adottare dei cani di taglia grande, senza rendersi conto minimamente delle caratteristiche e delle necessità che questi comportano.”

“Fatta questa premessa, vogliamo evidenziare che presso il canile comunale di Ravenna, in questi ultimi mesi si è avuta un’impennata circa gli ingressi di cani problematici. Relativamente a tali soggetti si deve evidenziare che i pitbull sono quelli in prevalenza. A monte di quanto sopra dobbiamo denunciare la sconsideratezza da parte di talune persone nella scelta della tipologia di cane, dal che non di rado si ricorre alla rinuncia di proprietà, dopo che essendo risultato vano il ricorso ad un educatore, il possessore dell’animale continua a non essere in grado di gestire la situazione. Facciamo presente che uno degli aspetti spinosi relativi alla gestione di questi cani sta nel fatto che proprio per la tipologia caratteriale non possono condividere il box con altri soggetti. Ne consegue – continua Enpa – che si hanno delle difficoltà logistiche di rilevante importanza ovvero si esaurisce ben presto la possibilità di accogliere altri animali all’interno della struttura.”

“Il canile infatti è stato concepito per una capienza adeguata alle necessità del nostro territorio e gli avvenimenti sopra evidenziati non fanno altro che compromettere un equilibrio di programmazione. In conclusione circa il 30% delle presenze nel canile comunale di Ravenna è costituito da soggetti “non adottabili” e quindi condannati a trascorrere la loro vita restante incarcerati in un box. Il merito di questo triste epilogo spetta a quelle persone che con superficialità, sconsideratezza ed impreparazione, hanno deciso, a suo tempo di adottare un cane che non è alla portata di tutti” conclude Enpa Ravenna.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovanni lo scettico

    I soliti gasati che si comprano il pitbull per esibirlo in giro, poi si rendono conto che non sanno tenerlo. Ma smettetela, e compratevi delle vongole!

  2. Scritto da armando

    Meno male che anche ENPA evidenzia questo stato di cose.- Gia da tempo, noi che ci incolpano di non amare gli animali, denunciamo spesso il malcostume dei proprietari di NON saper gestire animali di grossa taglia.- Molte volte io stesso, ho fatto presente a questi signori, la mancanza di museruole in luoghi pubblici.- non vi dico la risposta, tanto la sapete gia.- ci vuole il patentino, punto e basta.- Purtroppo la moda fa piu danni che altro.-

  3. Scritto da Cristian

    bravi!!! Avete proprio ragione, questa moda sconsiderata di comprare cani di grossa taglia senza nessuna conoscenza e capacità di gestirli ed educarli quando crescono è una vera piaga; bisognerebbe istituire un patentino e corsi di preparazione per i proprietari prima di prendere cani di questo tipo..