Ravenna, de Pascale: “Regole sugli spostamenti non cambiano: usiamo il buon senso”

Il sindaco: "Non possiamo assolutamente creare occasioni di aggregazione per strada anche solo con i vicini"

Il sindaco di Ravenna Michele de Pascale precisa in una nota diffusa sulla sua pagina Facebook che “le regole sugli spostamenti per contenere la diffusione del Coronavirus non cambiano.”

E ricorda: “Si può uscire dalla propria abitazione esclusivamente nelle ipotesi già previste dai decreti del presidente del Consiglio dei ministri: per lavoro, per motivi di assoluta urgenza o di necessità e per motivi di salute. La circolare del ministero dell’Interno di ieri, 31 marzo, si è limitata a chiarire alcuni aspetti interpretativi sulla base di richieste pervenute al Viminale. È stato specificato che la possibilità di uscire con i figli minori è consentita a un solo genitore per camminare, purché questo avvenga in prossimità della propria abitazione e in occasione di spostamenti motivati da situazioni di necessità o di salute.”

“Per quanto riguarda l’attività motoria è stato chiarito che, fermo restando le limitazioni indicate, è consentito camminare solo nei pressi della propria abitazione. Usiamo il buon senso, non possiamo assolutamente creare occasioni di aggregazione per strada anche solo con i vicini. Con intelligenza possiamo gestire questa fase difficile per tutti, anche per i più piccoli” conclude il sindaco.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da armando

    Ma che casino è questo??? ma chi li combina questi casini??? STIAMO A CASA .- IO RESTO A CASA.- punto e basta!!! I bambini ?? sono piccoli, hanno spazio per camminare in casa !!! aprite le finestre e arriva aria buona.- c’è stato un maratoneta che ha fatto la maratona in un balcone di 8-10 metri..e allora ?? un bambino ha bisogno di stare fuori ?? ma sono i genitori che non capiscono STATE A CASA.- STATE A CASA . STATE A CASA. solo cosi ne verremo fuori.- Genitori, se non siete capaci di far giocare i bambini in casa, mi spiace ma quando è finito tutto andare a scuola anche voi!!! Sig. Sindaco, per favore..NON ABBASSIAMO LA GUARDIA.-

  2. Scritto da Luke

    Si magari il buon senso ?? vedrai tra poco in 200mt quanta gente che ci sarà in giro così si rischia di vanificare tutto , il lavoro di quei poveri operatori del settore sanitario !! Si sta a casa manca veramente poco x fermare almeno in parte questa odissea. quindi possiamo e bobbiamo stare a CASA !!! TUTTI !!! Secondo mè Il sindaco deve revocare questa circolare per il bene di tutta la comunità .

  3. Scritto da Francesco

    Regole chiare,condite da più circolari,che precisano non si sa cosa,dato che era già scritto nella regola contribuiscono a oscurare le stesse regole!!!

  4. Scritto da Barbara

    Non dobbiamo permettere queste concessioni!! La gente non capisce, se ne frega… Non ne usciamo più di sto passo! Cosa non è chiaro nella frase:”STATE A CASA”!!!???? Quelli che escono pensano di essere immuni! O di non poter contagiare altri! Io lavoro in n supermercato e vedo scene assurde… Un menefreghismo totale anche verso di noi che siamo lì a dare un servizio… E a rischiare.Se si usasse il cervello non saremmo a questo punto! B.