Massa Lombarda. Il centro culturale Venturini partecipa all’iniziativa “Il libro scaduto”

Le biblioteche sono chiuse, ma le sedi dei comuni della Bassa Romagna hanno trovato comunque il modo per restare vicine ai propri lettori. Il centro culturale “Carlo Venturini” di Massa Lombarda, insieme alle altre biblioteche della Bassa Romagna, partecipa all’evento “Il libro scaduto”.

Per giovedì 23 aprile 2020, data in cui ricorre la Giornata mondiale del libro e del copyright, il centro culturale invita i lettori a postare su Facebook una foto con un libro preso in prestito dalla biblioteca che, per via della chiusura, non è stato possibile riconsegnare. Le foto, in cui si può “taggare” il centro culturale Venturini, potranno essere accompagnate dagli hashtag #giornatamondialedellibro, #lontanimavicini, #libroscaduto, #unionefalaforza. Le foto saranno poi raccolte in un album intitolato “Giornata mondiale del libro…scaduto”.

Questo appuntamento virtuale si aggiunge alle iniziative già intraprese dal centro Venturini. Fin dall’inizio dell’emergenza la biblioteca propone sulla sua pagina Facebook uno speciale “contenitore creativo” per raggiungere tutti i cittadini e far loro compagnia in queste giornate a casa. Finora sono stati caricati oltre 120 post tra laboratori, video letture e filastrocche, per un totale di 11.300 visualizzazioni.

Inoltre, il centro ha attivato il servizio di iscrizione a distanza, promosso dalla Rete bibliotecaria di Romagna e San Marino, per consentire l’accesso ai servizi digitali e al Mlol (Media Library online), riservati agli utenti della Rete. Chi non è iscritto a una biblioteca della Rete può comunque, in questa fase di chiusura eccezionale delle biblioteche, fare un’iscrizione provvisoria online che permette di accedere a tutte le risorse digitali disponibili.

Per iscriversi è necessario contattare via mail la biblioteca del Centro Culturale all’indirizzo biblioteca_at_comune.massalombarda.ra.it, richiedere il modulo d’iscrizione e rispedirlo compilato e firmato insieme alla copia di un documento di identità valido. Alla riapertura delle biblioteche sarà necessario confermare personalmente l’iscrizione per poter continuare a usufruire dei servizi della Rete. Chi invece è già iscritto può accedere con le credenziali già in uso sul catalogo Scoprirete.