Quantcast

Primo match di Pool Salvezza amaro per la Conad che cede 1-3 contro Busto Arsizio

Più informazioni su

Si apre con una sconfitta la seconda fase del campionato di Serie A2 della Conad Olimpia Teodora, che cede per 1-3 al PalaCosta contro la Futura Volley Giovani Busto Arsizio. Nello scontro diretto al vertice le ospiti escono vincitrici grazie a un ottimo lavoro a muro-difesa, mentre Ravenna incappa in qualche errore di troppo in attacco e subisce alcuni parziali pesanti, decisivi nei set persi.

Nota positiva per le padrone di casa il rientro in campo in partita ufficiale per Laura Grigolo, assente da inizio stagione per l’infortunio al ginocchio. Per lei ingresso in tutti i set e partenza da titolare nel quarto, con 7 punti totali realizzati.

La partita

Al fischio d’inizio Coach Bendandi sceglie il sestetto con Morello, Piva, Guidi, Torcolacci, Guasti, Kavalenka e Rocchi libero.

Le ospiti partono fortissmo e si portano subito sull1-6, ma sul servizio di Morello Ravenna torna subito sotto sul 5-6. La Conad fatica in attacco e Busto allunga nella parte centrale del set fino all’11-18. Coach Bendandi rimescola le carte e il ritorno in campo di Laura Grigolo (3 punti) spinge la rimonta ravennate, prima sul 14-18, poi fino al 19-20. Nel finale però le ospiti riescono a evitare il sorpasso e chiudono il parziale per 22-25.

La reazione delle padrone di casa vale l’allungo già in avvio di secondo set, con due ace di Guasti che valgono il 4-0. Ravenna tocca il 6-1, ma le ospiti ritrovano la parità con il turno al servizio di Latham (6-6). Busto si porta avanti fino al 6-8, ma le Leonesse cambiano marcia alzando la voce a muro nella parte centrale del set: tre punti consecutivi di Piva e l’ace di Morello valgono il contro-sorpasso sul 12-8, poi gli ulteriori muri di Torcolacci e Guidi scavano il solco fino al 16-10. La Conad tocca il 21-11, le ospiti provano a recuperare (21-16), ma ancora due muri di Guidi chiudono i conti (24-16) e Ravenna si porta a casa il set per 25-19.

I muri di Torcolacci e Piva valgono il 4-2 ravennate in avvio di terza frazione, ma Busto ribalta subito la situazione sul 4-8. La Conad perde lucidità e viene doppiata sul 6-12 e sull’8-16, e non basta la girandola di cambi di Coach Bendandi per riprendere il filo della partita. Le ospiti allungano fino all’11-21 e chiudono il parziale per 14-25.

Il quarto set si apre all’insegna dell’equlibrio, l’ace di Piva pareggia un break ospite in avvio e vale il 5-5, poi le squadre si scambiano più volte il vantaggio. Busto guardagna un nuovo break sull’11-13 e allunga con l’ace di Lualdi per il 14-17. Il muro di Guidi tiene a contatto Ravenna sul 16-18, ma le ospiti piazzano l’allungo decisivo portandosi 16-21. Un dubbio non fischio arbitrale porta all’espulsione di Coach Bendandi (17-23), poi nel finale la reazione d’orgoglio delle padrone di casa (20-23) non basta e la partita termina per 20-25.

Il post-partita

“Faccio i complimenti a Busto che ci ha messo in difficoltà fin dall’inizio – commenta a caldo Coach Simone Bendandi –. Noi abbiamo pagato un po’ dazio per la lunga sosta, giocando con troppo nervosismo e non riuscendo a trasformare la tensione in energia positiva”.

“Abbiamo commesso veramente troppi errori – aggiunge – e non siamo stati capaci di trovare ordine e concretezza, anche su cose che dovrebbero essere la base come gli appoggi, alcuni secondi tocchi e la gestione di attacchi su palle scontate. Loro hanno un ottimo muro-difesa e noi abbiamo avuto troppa poca pazienza nelle azioni lunghe”.

“È molto bello aver potuto rivedere in campo Laura – prosegue -, che ci ha dato anche una grossissima mano. Sapevo che era pronta ma non pensavo di utilizzarla per così tanto tempo. Per il futuro il suo rientro può essere fondamentale”.

“Mi dispiace tantissimo – conclude – perché nelle ultime due settimane le ragazze si erano comportate molto bene, ma quello che si fa in allenamento non basta se poi non lo si riporta la domenica durante la partita. Martedì torneremo a lavorare in palestra, ci sono ancora tante altre partite per colmare il gap che ci separa da Busto e dobbiamo continuare a ragionare nell’ottica di lottare per vincere questa Pool Salvezza”.

Il tabellino

Conad Olimpia Teodora Ravenna – Futura Volley Giovani Busto Arsizio 1-3 (22-25, 25-19, 14-25, 20-25)

Ravenna: Morello 2, Piva 15, Guidi 10, Torcolacci 6, Guasti 9, Kavalenka 4, Rocchi (L); Poggi, Bernabè, Assirelli 4, Monaco, Grigolo 7. N.e.: Giovanna (L). All.: Simone Bendandi. Ass.: Dominico Speck.

Muri 13, ace 5, battute sbagliate 10, errori ricez. 4, ricez. pos 36%, ricez. perf 14%, errori attacco 19, attacco 25%.

Busto Arsizio: Michieletto 2, Latham 20, Lualdi A. 2, Frigo 9, Lualdi G. 12, Carletti 4, Garzonio (L); Veneriano, Badini, Sormani, Zingaro 8. N.e.: Nicolini, Vecerina. All.: Matteo Lucchini. Ass.: Luca Chiofalo.

Muri 11, ace 4, battute sbagliate 12, errori ricez. 5, ricez. pos 38%, ricez. perf 17%, errori attacco 9, attacco 30%.

Arbitri: Piera Usai e Andrea Clemente.

La classifica

Serie A2 Pool Salvezza

Futura Volley Giovani Busto Arsizio 29^^, Conad Olimpia Teodora Ravenna 25, Itas Città Fiera Martignacco 24, Geovillage Hermaea Olbia 21^^, Club Italia Crai 19^^, Barricalla Cus Torino 18^^, CDA Talmassons 15, Exacer Montale 6^, Sorelle Ramonda Ipag Montecchio 3.

^ Una gara in più.

^^ Due gare in più.

Prossimo turno

Barricalla Cus Torino – Conad Olimpia Teodora Ravenna, domenica 7 marzo, ore 17, Torino

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da paolo

    Non si può… Dispiace ma allenatore fuori controllo e staff inadeguato. Scene come quelle di ieri (a partita persa comunque) non sono ammissibili. Gestione della partita penosa, straniera che regredisce gara dopo gara. Bene per Grigolo ma ieri Guasti stava giocando la sua miglior partita stagionale e Grigolo ha grande voglia ma non è ancora pronta.
    E la società cosa fa? Squadra mal costruita e fiducia (troppa) a giocatrici eventualmente sopravvalutate.
    C’è un campionato da terminare con dignità. 9 partite ancora (poi basta perché pensare di andare ai playoff è ridicolo…). Bottaro da segni di vita?

  2. Scritto da Franco

    un allenatore degno di questo titolo avrebbe già dovuto dare le dimissioni visto i risultati e mi stupisco che la società non prenda provvedimenti