Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Che senso ha, in zona rossa Covid, fare multe a chi parcheggia sulle strisce blu senza aver pagato il ticket?

Abito a Ravenna nel Borgo San Rocco dove trovare un parcheggio è già normalmente di per se un’impresa. Vi chiedo che senso ha, in piena zona rossa Covid, fare le multe a chi parcheggia sulle strisce blu senza aver pagato il tiket per area sottoposta a limitazione temporale, considerato che gli spostamenti sono limitati a sole ragioni di necessità.

Altri comuni italiani non si comportano in questo modo assurdo in un periodo come questo dove i controlli dovrebbero essere rivolti a ben altro. Forse sarebbe il caso di mettere il personale addetto ai controlli temporaneamente in cassa integrazione e non mandarlo ad escutere il proprio salario a danno della cittadinanza già abbastanza provata sia economicamente che psicologicamente.
Piero B.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Wainer

    In qualche modo dovranno fare cassa…

  2. Scritto da Maurizio Ricci

    Non capisco il senso della polemica sollevata dal lettore: se non c’è una modifica (scritta, diffusa ed esposta) relativa al mutamento di significato della segnaletica stradale, uno stallo di parcheggio a pagamento (delimitato da strisce blu o da accesso controllato) mantiene il suo status e dunque, nei giorni feriali e nelle fasce orarie indicate nel parcometro di riferimento, si è tenuti a premunirsi di ticket per l’utilizzo. Con la stessa logica, forse anche i biglietti di aerei, treni, autobus ed i pedaggi autostradali dovrebbero essere azzerati per Covid?

  3. Scritto da cromwell

    Ha senso se la mobilità è gestita in maniera ideologica come a Ravenna.

  4. Scritto da Diego

    Con tutto rispetto Sig.Piero B mi sembra u a polemica senza senso…stando al suo ragionamento dovremmo smettere di pagare tutti le tasse?

  5. Scritto da Vincenzo P.

    Concordo pienamente con Piero, ma si sa che i comuni, indipendentemente da tutto, mirano sempre a fare cassa e non importa come.
    Di parla bene ma si ruzzola male.

  6. Scritto da Piemme

    Dentro le strisce blu il parcheggio è a pagamento potrebbero fare cassa anche imponendo un canone annuo a chi usa la strada davanti a casa e anche magari sino all’incrocio come parcheggio privato facendo in modo che le strade diventino a senso unico(perché due auto non riescono a passare e i camion della spazzatura per passare devono impegnarsi a fare manovra), pur avendo cortile e garage dove poter parcheggiare, se il comune iniziasse a far pagare tutti quelli che hanno il parcheggio dentro il proprio cortile 1,00 euro al giorno anticipati all’inizio dell’anno secondo me si libererebbero le strade, oppure farebbero cassa….

  7. Scritto da Emanuele

    Risposta: semplice rispetto delle regole. Mi sembra una domanda mal posta o senza senso. Semmai si sarebbe dovuto chiedere se ha senso far pagare il parcheggio. Ma secondo lei se nessuno paga, alla fine come funzionano i servizi del comune in cui vive? Fa parte anche lei di quegli individui a cui è tutto dovuto e non devono nulla?

  8. Scritto da C.

    Concordo col sig. Ricci.

  9. Scritto da J

    Ma perché date spazio a queste fesserie?!

  10. Scritto da Dario

    Non riesco a capire il senso di questa lettera. È chiaro che se la sosta è a pagamento è necessario pagare il ticket, non c’è niente di nuovo.
    Se poi volesse chiedere una sospensione della sosta a pagamento per l’emergenza Covid, farebbe bene a parlarne con i suoi rappresentanti politici, anziché scrivere ad un giornale per scaricare il suo stress.

  11. Scritto da TRISTANO ONOFRI

    Pienamente d’accordo con Maurizio Ricci. Avrei scritto le stesse cose in risposta alla lamentela fuori luogo di Piero B. E’ una prerogativa tutta italiana il “benaltrismo” (si veda l’intervento sempre di Piero B. “dove i controlli dovrebbero essere rivolti a ben altro”. Ecco questo è il “benaltrismo”). Oppure quando non si ha nulla da dire e si vuole comunque intervenire si tira fuori l’ “ideologismo” che va bene in tutte le pietanze ma non c’entra niente con l’argomento discusso (vero sig. “cromwell” ?)

  12. Scritto da cromwell

    Non so se il sig. Onofri conosca i fondamentali della tecnica della circolazione. Dovrebbe dire se la circolazione debba venire prima della sosta parassitaria e se va bene compiacere da decenni residenti che occupano la carreggiata stradale pur avendo di fronte garages e cortili. O scegliere le ZTL tenendo conto anche di chi ci abita. Questo si intende per mobilità gestita in maniera ideologica, che non c’entra con la sosta a pagamento quando istituita nel rispetto del codice della strada. O quello che decidono gli uffici preposti va bene a prescindere?

  13. Scritto da Anna M

    Applausi per piemme e cromwell

  14. Scritto da armando

    @piemme: bravo. ha ragione !!Far pagare il parcheggio a chi ha il garage e lascia la macchina in strada !!! La maggior parte dei garage sono stati adibiti a tavernette, o addirittura a camere da letto.- A Ponte Nuovo, via 56 Martiri e strade limitrofe..strade stracolme e garage “vuoti”…cioè..non vuoti, occupati da altre cose !!! Ma chi è che si prende la briga di controllare, catasto alla mano, bussare e multare ????

  15. Scritto da Piemme

    Non c è bisogno di verificare al catasto, un bel cartello di divieto di sosta risolve il problema, provare per credere, visto che è già stato applicato questo sistema e miracolosamente quelli che lasciavano le auto sulla strada hanno trovato un altro parcheggio. Oppure fare un parcheggio a pagamento solo da una parte della strada. Basta fare sempre ciò che risulta più comodo senza nessun rispetto per gli altri.

  16. Scritto da Italo

    Sono stati sospesi i diritti…non i doveri!