Quantcast

I Giallorossi buttano via la vittoria nel derby della Romagna. Si fanno riacciuffare da Di Gennaro

Più informazioni su

Cala il sipario sul derby della Romagna con tanta amarezza ed ancora più rimpianti per il Ravenna. La squadra di Colucci dopo il doppio vantaggio e la superiorità numerica butta via nel finale una vittoria che avrebbe riaperto le sorti della lotta per la salvezza. Giallorossi abili a contenere il Cesena e ripartire non concedendo nulla per 85 minuti e Cesena che la riprende nel recupero grazie al secondo rigore di giornata calciato da Di Gennaro.

Giallorossi che partono determinati ed al 10’ trovano il vantaggio, percussione di Papa sulla sinistra ed assist per Ferretti che si inserisce e fulmina Nardi di sinistro. Il Cesena prova a fare gioco ma non riesce a creare altro che un inserimento di Russini al 16’ che di testa alza sopra la traversa. Sfortuna che è la costante della stagione giallorossa, Ravenna infatti che nel giro di 10 minuti è costretto ad effettuare due sostituzioni per infortunio, con Marozzi ed Alari a lasciare il posto a Fiorani e Shiba. Al 40’ il Ravenna trova la superiorità numerica, Ferretti ruba palla a Steffè che lo stende prima che possa involarsi da solo verso Nardi, rosso diretto per il 5 bianconero.

All’avvio della ripresa Viali prova a mettere forze fresche ed il Cesena riesce a tenere meglio il campo pur con l’uomo in meno, ma il Ravenna controlla con qualche affanno, ma senza concedere occasioni da rete. Anzi un indiavolato Ferretti prova due volte a rientrare con il sinistro a giro, ma la mira non è come in occasione della rete. Viali pesca dalla panchina anche le carte Caturano e Di Gennaro, ma è il Ravenna che prova a chiuderla. Rocchi ruba palla proprio a Di Gennaro e trova Sereni dentro l’area, Nardi devia la conclusione della punta giallorossa sul palo, ma arriva Papa a ribadire in rete. Al 83’ Esposito entra scomposto su Caturano in area e l’arbitro concede un penalty. Si presenta lo stesso Caturano ma Tomei è perfetto nella respinta e tiene bloccato il risultato. Nei minuti finali il Cesena continua a crederci e trova con Di Gennaro il gol della speranza a 3 minuti dal termine con un tiro ad incrociare sulla prima sbavatura della difesa giallorossa. Il gol rivitalizza gli ospiti che si riversano in attacco ed al primo di recupero vengono premiati con un nuovo rigore per fallo di mano di Jidayi, questa volta sul dischetto va Di Gennaro che trova la rete del pareggio. Un punto che permette al Ravenna di portarsi ad una sola lunghezza dall’Arezzo, ma che per come è maturato non può che lasciare tanto amaro in bocca per la vittoria mancata.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da NonHoParole

    …con il Cesena, la partita dell’anno, dopo le 4 pere dell’andata, situazione disperata… vincete 2-0 non si sa come con loro in 10 dal primo tempo e vi fate pareggiare negli ultimi 5 minuti?
    Non so cosa e come commentare.

  2. Scritto da Rusty

    Somaraggine e sfiga formano una miscela micidiale. Annata balorda, da cancellare in fretta. Si spera che il calcio a Ravenna possa continuare, magari con una proprietà più solida. Ma c’è poco da stare allegri.

  3. Scritto da Uhm

    A me viene da pensare che qualcuno si era giocato il 2-2 …

  4. Scritto da Giancarlo

    Il Derby e’ l’appuntamento che x ogni tifoso ravennate significa molto di piu’ che una semplice partita, qualcosa di speciale. Ieri i giocatori potevano regalare una immensa soddisfazione e ci stavano riuscendo, poi il patatrac di un gruppo che se l’ha fatta sotto.. giocatori senza attributi che tante redazioni giornaliste hanno sempre difeso e mai criticato alcuno o dirigenti perche’? Ecco i risultati ad essere “morbidi” come voi giornalisti.. Ora si parla di ennesima retrocessione e tutti se ne devono andare dal presidente, DS allenatore e giocatori che verranno svalutati e meriterebbero di ripartire da una bella terza categoria. Oramai da qui a fine campionato io non pagherei piu’ nessuno x punizione e farei giocare i giovani che x passione “suderanno” veramente la maglia che indossano.. Questa maglia i giocatori pagati e scesi in campo fino ad ora non l’hanno x niente onorata..

  5. Scritto da savo

    2 retrocessioni in 2 anni nella stessa serie, per me è RECORD!
    Giocatori professionisti, ma sta bo va la…