Quantcast

Bagnacavallo tra i vincitori del premio nazionale Art Bonus con il “progetto Dürer”

Il progetto espositivo dedicato ad Albrecht Dürer, realizzato dal Museo Civico delle Cappuccine di Bagnacavallo nel 2019/20, è tra i vincitori del concorso “Progetto Art Bonus dell’Anno”, giunto alla sua quinta edizione.

La proclamazione è stata trasmessa questa mattina sul canale YouTube del Ministero della Cultura, con un intervento del ministro Dario Franceschini, il quale ha dichiarato che «l’Art Bonus è il più forte incentivo fiscale che ci sia in Europa per favorire il mecenatismo culturale e, dalla data della sua entrata in vigore, ha superato il mezzo miliardo di euro di fondi raccolti.»

Grazie ai voti popolari sulla relativa piattaforma web, il concorso premia ogni anno con un riconoscimento simbolico i dieci migliori progetti finanziati attraverso lo strumento dell’Art Bonus, credito di imposta introdotto per favorire le erogazioni liberali a sostegno del patrimonio culturale pubblico italiano.

Giunto ottavo nella classifica nazionale, il progetto Albrecht Dürer è stato finanziato dalla ditta Mixer S.p.A. di Villa Prati di Bagnacavallo.

Il video con la proclamazione dei vincitori si trova al seguente link:

Questo è invece il link dell’intervista con l’assessora alla Cultura del Comune di Bagnacavallo Monica Poletti:

«Si tratta di una bellissima notizia per la nostra città – hanno commentato la sindaca Eleonora Proni e l’assessora Monica Poletti – che è anche di incoraggiamento e stimolo per le future iniziative culturali. Ringraziamenti vanno a chi ci ha creduto e lavorato, sostenendo un progetto che, con il temporaneo ritorno a Bagnacavallo della Madonna del Patrocinio di Albrecht Dürer e la splendida mostra di incisioni del grande artista tedesco, ha rappresentato un momento di grande importanza per tutta la comunità. È stato inoltre motivo di interesse per ben ventiduemila visitatori, record assoluto per il Museo Civico delle Cappuccine. Grazie quindi al direttore Diego Galizzi con il suo staff per la curatela della mostra, del catalogo e degli allestimenti, alla Fondazione Magnani Rocca che ha creduto nel progetto e alla responsabile dell’area Cultura del Comune Raffaella Costa con il suo team per il prezioso contributo. I nostri ringraziamenti vanno poi naturalmente all’impresa che, proprio grazie allo strumento dell’Art Bonus, ha supportato l’investimento e agli sponsor tecnici che hanno curato il trasporto e l’illuminazione evocativa delle aree espositive.»

La mostra di incisioni Albrecht Dürer. Il privilegio dell’inquietudine (21 settembre 2019-2 febbraio 2020) e l’esposizione del dipinto Madonna del Patrocinio (14 dicembre 2019-2 febbraio 2020) dello stesso Dürer sono state organizzate dal Comune e curate dal direttore del museo Diego Galizzi, affiancato per l’esposizione di incisioni da Patrizia Foglia.

Le mostre hanno proposto un notevole corpus di opere grafiche del grande artista di Norimberga (oltre 120 incisioni) e riportato a Bagnacavallo la Madonna del Patrocinio, tavola che Dürer dipinse attorno al 1495. A cinquant’anni dalla sua partenza da Bagnacavallo il dipinto è tornato per circa un mese e mezzo nella stessa sede in cui si trovava custodito fino al 1969, ovvero l’ex monastero delle suore Clarisse Cappuccine, oggi appunto museo civico. Il ritorno temporaneo del dipinto è stato possibile grazie alla collaborazione della Fondazione Magnani Rocca di Mamiano di Traversetolo, luogo di conservazione della tavola.

Il concorso “Progetto Art Bonus dell’anno” è promosso da Ales, società responsabile del programma di gestione e promozione dell’Art Bonus per conto del Ministero per i beni e le attività culturali, e Promo PA Fondazione Lubec – Lucca Beni Comuni.

L’iniziativa è nata con l’obiettivo di premiare l’impegno di quanti, beneficiari e mecenati, rendono possibile attraverso l’Art Bonus il recupero e la valorizzazione del patrimonio culturale del nostro Paese, oltre che per promuovere una sempre più diffusa conoscenza della Legge c.d. Art Bonus.

Questa la top ten della 5^ edizione “Progetto Art Bonus dell’anno”:

1° classificato Comune di Perugia, con il progetto di restauro della Fonte di San Francesco a Ponte San Giovanni

2^ classificata l’associazione culturale ‘CapoTrave/Kilowatt’ di Sansepolcro in provincia di Arezzo con il progetto Kilowatt Festival 2019.

3^ classificata l’associazione ‘Arena Sferisterio’ di Macerata con il progetto Macerata Opera Festival 2019 – Cento mecenati per lo Sferisterio.

4° classificato il CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia col progetto: #Iosonomecenate – #IorestoacasaconilCSS.

5^ classificata la Fondazione Teatro dell’Opera di Roma col progetto ‘Sostegno annualità 2019’.

6° classificato ‘369gradi’ centro di produzione cultura contemporanea di Roma col progetto Festa del Teatro Eco Logico a Stromboli.

7^ classificata l’associazione Teatrale Eco di Fondo di Milano col progetto Sostegno all’attività 2018.

8° classificato il Comune di Bagnacavallo in provincia di Ravenna col progetto del museo civico delle Cappuccine – Albrecht Dürer, progetto espositivo 2019/20.

9^ classificata la Galleria Nazionale dell’Umbria – MiC col progetto Il ‘Divin Pittore’ e la sua Scuola. Restauri di opere del Perugino e del Cinquecento umbro.

10° classificato il Palazzo di Reale di Genova – MiC col progetto ‘Mostra Anton Maria Maragliano’.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da jack

    Il museo civico delle Capuccine di Bagnacavallo è una splendida realtà culturale che riesce a realizzare con pochi fondi progetti di portata nazionale di altissima qualità. Il Mar di Ravenna dovrebbe prendere esempio con un po’ di umiltà.