Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - L'opinione

Casa delle Donne di Ravenna: Video Grillo, delirio di violenza e sessismo. Vogliamo un mondo dove le donne possano vivere senza paura

Più informazioni su

La violenza verbale ha sempre caratterizzato lo stile Grillo e stavolta ha mostrato platealmente ciò che il femminismo vede da sempre: le parole che si usano sono una scelta non casuale e non neutra, riflettono il pensiero profondo che si ha.

In quel minuto e mezzo di video Grillo è riuscito a concentrare un delirio di rabbia, protervia, violenza, mistificazioni e sessismo. E’ riuscito a riassumere brutalmente l’essenza stessa della cultura dello stupro che minimizza la responsabilità degli aggressori e colpevolizza la vittima.

Vedere un uomo con il suo ruolo politico usare tutto il suo potere mediatico e arrogarsi anche il ruolo di  avvocato, difensore, giudice, per gridare l’innocenza del figlio e dei suoi amici, denunciati per stupro di gruppo nel 2019 è un atto abominevole.

Non una parola sul trauma della ragazza che anzi viene presunta consenziente per il fatto di avere denunciato lo stupro 8 giorni dopo.

In caso di stupro la legge prevede 12 mesi per la denuncia proprio perché ci si è resi conto di quanto è difficile elaborare una violenza simile.

C’è la vergogna di essere vittime, la paura di non essere creduta, la mortificazione interiore per non aver capito il rischio, aver dato fiducia alla gente sbagliata.

Ogni donna ha bisogno di tempo per capire e trovare il coraggio di denunciare e di andare incontro a un molto probabile percorso di vittimizzazione secondaria sia mediatico che a volte anche nelle aule dei Tribunali.

Ancora una volta si lascia dilagare lo stereotipo che la Vera Vittima è colei che urla, che nonostante calci e pugni non riesce a fermare la violenza, che appena può corre in commissariato a sporgere denuncia e si capisce subito il trauma subito dall’aspetto e dall’espressione del viso.

La realtà è ben diversa. Anni di ricerca hanno mostrato come lo stupro sia una delle esperienze più traumatiche che una persona possa subire e proprio per questo si può verificare un meccanismo di autodifesa come la rimozione; occorre tempo e aiuto per elaborare. E’ frequente anche la perdita della capacità di reagire quando si è esposti a minacce estreme. Non è raro che, oltre a perdere il controllo del corpo, la vittima perda anche quello della voce.

Tutti quelli che accusano le vittime di violenza di non essere credibili solo perché non rispettano il luogo comune radicato nel loro immaginario, non solo continuano a costringerle a rivivere l’accaduto, sottoponendole a un altro trauma, ma alimentano il clima sociale e culturale per cui eventi simili continuano ad accadere ogni giorno.

Noi della Casa delle donne siamo sconcertate nel constatare che il grado di consapevolezza diffuso sul rispetto della libertà delle donne forse è peggiore di quanto pensavamo.

Si tratta anche di una limitazione democratica di libertà per le donne, costrette a valutare ogni volta il rischio dei luoghi che frequentano, delle relazioni e delle situazioni di pericolo.

Vogliamo un paese dove le donne possano vivere senza paura, dove si riconosca finalmente che la libertà delle donne è la via maestra per la libertà di tutt*.

Casa delle Donne di Ravenna

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roberta

    Ho visto quel video e ho provato orrore.Nessun genitore deve provare a difendere un figlio davanti ad una violenza subdola cercando di colpevolizzare la vittima.FRASI da medioevo altro che speriamo che la giustizia faccia il suo dovere.

  2. Scritto da Giovanni lo scettico

    Grillo ha sempre giudicato gli altri. Come avete visto, se gli altri giudicano lui o la sua famiglia, si mette a urlare. L’avete votato?

  3. Scritto da Maria

    Il rispetto verso le persone, animali, cose….. c’è tanta maleducazione, cattiveria in giro, poi quando succede qualcosa di brutto non si vuole prendersi la colpa! Comodo, imparare bene le giuste regole della vita!!!!!

  4. Scritto da Francesco

    Grillo devi chiedere scusa pubblicamente,anche se tutto ciò non basta!