Quantcast

Nello spazio ex Kirecò nasce “RicreAzioni” il centro polivalente aperto alla comunità. Sarà gestito dal Consorzio Solco e La Pieve foto

Rinasce l’ex complesso Kirecò, in via Don Carlo Sala 7, a Ravenna. Sarà un centro polivalente, con attività socio-occupazionali, ricreative e di educazione ambientale. L’importante progetto è stato presentato quest’oggi alla presenza del Sindaco di Ravenna Michele de Pascale, Antonio Buzzi Presidente Consorzio Solco Ravenna, Christian Rivalta Vicepresidente cooperativa La Pieve, Nicola Grandi Presidente del Consiglio Territoriale Darsena e Mauro Neri Presidente Confcooperative Romagna. Presenti, in occasione dell’ufficializzazione del progetto, anche l’assessore Valentina Morigi, l’Assessore Massimo Cameliani e l’assessore Gianandrea Baroncini del Comune di Ravenna.

Il Consorzio Solco Ravenna si è aggiudicato l’area e l’immobile a seguito della procedura concorsuale gestita dallo studio commerciale tributario Enrico Montanari di Ravenna e li ha affidati in gestione alla cooperativa La Pieve che vi realizzerà attività socio-occupazionali, ricreative e di educazione ambientale. A seguito infatti della liquidazione coatta della società del precedente gestore, nonché proprietaria dell’immobile, mentre il terreno è di proprietà del Comune di Ravenna, il Comune, godendo del diritto di nuda proprietà sul terreno sul quale sorge l’edificio, ha deliberato la richiesta al liquidatore di esperire, attraverso un’asta pubblica, la ricerca di un soggetto interessato all’acquisizione e alla gestione dello stesso e alla gestione dell’area, nel rispetto dei termini della convenzione stipulata con il precedente gestore, fino al 2063.

Integrazione, comunità e sostenibilità ambientale saranno i concetti cardine che animeranno il nuovo centro polivalente e che ispireranno le iniziative in programma.

All’interno degli spazi di RicreAzioni, infatti, sorgerà un centro diurno per l’inserimento nel mondo del lavoro delle persone con disabilità, impiegate in progetti lavorativi all’interno del centro stesso, e si apriranno gli spazi e le aree verdi anche alle associazioni del territorio per l’organizzazione di eventi e iniziative. Inoltre, dal prossimo anno, con la cooperativa Progetto Crescita saranno organizzati centri estivi e progetti dedicati ai bambini, i ragazzi e le famiglie della città.

“E’ una giornata importante per la città, poichè oggi ridiamo vita a questo luogo, che tornerà ad essere un centro di innovazione e solidarietà – ha dichiarato il sindaco Michele de Pascale – . Siamo molto soddisfatti  dell’avvio di questa nuova gestione, da parte di una realtà del mondo cooperativo molto solida, affidabile e con importanti valori alle spalle. Il Consorzio Solco collabora con il Comune da moltissimo tempo, in particolare nella realizzazione di progetti sui temi della socialità e della disabilità, e siamo certi che anche questa nuova esperienza si caratterizzerà in maniera molto positiva, con ulteriori iniziative nell’ambito della sostenibilità e dell’educazione ambientale”.

In queste settimane si stanno portando a termine tutti i lavori di riqualificazione e di messa in sicurezza del parco e dell’immobile e in pochi mesi il complesso RicreAzionidiventerà operativo.

“Il Consorzio Solco ha colto la sfida, puntando a mettere in campo le nostre capacità – commenta il presidente del Antonio Buzzi –  Fin da subito abbiamo colto la possibilità di prendere in concessione quest’area perché a nostro avviso ha del grandissimo potenziale e può diventare un punto di riferimento per la città di Ravenna, un luogo dove rafforzare il senso comunitario e sperimentare nuove e più sostenibili forme di inclusione sociale. Da questo luogo parte ora un progetto di integrazione a 360 gradi, aperto a tutta la comunità.

Ci piace immaginare RicreAzioni come un centro in cui bambini, anziani, giovani e meno giovani, persone con disabilità, sportivi, amanti della natura, ecc., possano trovarsi e passare del tempo insieme. Per questi motivi abbiamo promosso il complesso insieme alle nostre associate, principalmente a La Pieve, che da anni operano sul territorio collaborando con enti, associazioni e imprese e che sono in grado di innescare sinergie importanti all’interno della comunità locale” ha sottolineato Buzzi.

Christian Rivalta Vicepresidente cooperativa La Pieve ha presentato il progetto. Dal punto di vista tecnico verranno apportate delle modifiche alla struttura: sarà terminata la banchina, rifatta la scala interna, e posizionato un montacarichi. Inoltre verrà realizzata una seconda porta d’ingresso. Nell’area destinata al centro diurno verrà creato uno spazio spogliatoi e servizi.

IL PROGETTO:
RicreAzioni sarà un centro ricreativo e culturale per la comunità.
Il centro avrà come tema conduttore la promozione della tutela dell’ambiente e di una cultura ecologica. Grazie alla collaborazione di diverse realtà associative del territorio verranno proposte opportunità di formazione e conoscenza, progetti innovativi per il tempo libero (sportivi, musicali, ludici) e iniziative di ricreazione e crescita culturale dedicate a tutte le età, in un’ottica di co-progettazione.
Cuore di RicreAzioni sarà un centro socio-occupazionale. Un centro polivalente, diurno e pomeridiano, per persone con disabilità, basato su orari flessibili, attività occupazionali legate a ristorazione (sfruttando la cucina e il bar già presenti all’interno dell’immobile), orticoltura e manutenzione del verde, orientate anche alla promozione di filiere a basso impatto ambientale.
Il verde. Anche il verde sarà grande protagonista del progetto di riqualificazione. RicreAzioni dispone già di un’area orticola in cui verrà implementato il progetto “orti sociali” già sperimentato da La Pieve in altre occasioni. Inoltre, nel parco del centro verranno collocati giochi per bambini e sarà predisposta un’area pic-nic, tutto ad accesso libero.
Sempre all’interno del parco di RicreAzioni si trova il Bosco CO2OP con oltre 170 alberi messi a dimora nel 2017; subito fuori, invece, la grande area verde del Parco Cesarea, con 94mila metri quadrati di spazio naturale di cui 63mila destinati a prato, 9mila occupati dal lago già presente e oltre 20mila destinati a rimboschimenti.

Anche Nicola Grandi Presidente del Consiglio Territoriale Darsena ha ribadito l’importanza del progetto: ” Quest’area era una ferita profonda, ora invece ne nascerà un progetto unico per Ravenna e anche il Consiglio Territoriale proporrà idee e progetti”. A concludere la presentazione è stato Mauro Neri, Presidente Confcooperative Romagna, che sottolineato come con questo progetto la cooperazione va a sanare un ferita, perchè la cooperazione con scappa difronte alle difficoltà. E’ nel territorio, per il territorio. Grazie a istituzioni locali e Consorzio Solco, il progetto RicreAzioni porterà benefci a tutta la città”.