Quantcast

Sant’Agata sul Santerno ottiene finanziamento regionale per sviluppare soluzioni innovative di politica locale

Il Comune di Sant’Agata sul Santerno ha ottenuto un finanziamento di oltre 4mila euro dalla Regione Emilia-Romagna per la realizzazione del progetto di scambio “Torneremo ad abbracciarci. Comunità a confronto per fronteggiare insieme la pandemia”.

Il progetto, il cui costo complessivo è di 5.884 euro coperti per il 70% dai fondi regionali, è realizzato insieme ai gemelli francesi del comitato di gemellaggio “Noblat Aigues Vives”, con il quale Sant’Agata è gemellata dal 2014 e che comprende quattro Comuni della Francia sud-occidentale: Eybouleuf, La Geneytouse, Royères, Saint Denis des Murs.

L’obiettivo è quello di realizzare iniziative di confronto sulle politiche locali, nell’ottica di sviluppare nuove strategie e soluzioni innovative in conseguenza dell’epidemia di Covid-19.

In particolare, favorire la sensazione di vicinanza tra le comunità attraverso la videoconferenza, che rende in un qualche modo tangibile la presenza delle diverse comunità nello stesso luogo nello stesso momento, e avviare un vero dialogo “in presenza” tra le cittadinanze dei due Paesi per illustrare le strategie adottate in questo anno di pandemia per affrontare i diversi ambiti in cui la crisi si è sviluppata (sanitario, economico, sociale, culturale), in un’ottica di scambio di buone pratiche.

Le iniziative prevedono il coinvolgimento più ampio possibile di cittadini e associazioni, grazie al ricorso allo streaming e alla traduzione nelle due lingue dei contenuti espressi.

“Nonostante i vincoli della pandemia e dopo lo stop del 2020, quest’anno riusciamo a fare uno scambio, anche se virtuale, con i nostri gemelli – sottolinea il sindaco Enea Emiliani -. Siamo felici di esserci aggiudicati questo importante contributo, che ci vede in compagnia di Comuni ben più grandi come Bologna e Ferrara. A Sant’Agata sul Santerno vogliamo mantenere alti i nostri orizzonti, coinvolgendo i cittadini, le scuole e le associazioni nelle iniziative di scambio e confronto con i nostri amici francesi, per riflettere insieme sulla quotidianità delle nostre comunità impegnate a fronteggiare la pandemia e sull’importanza dell’Unione Europea per il futuro dei nostri paesi e dei nostri concittadini”.

Il bando regionale, lanciato a inizio anno, aveva l’obiettivo specifico di finanziare gli scambi virtuali tra istituti e realtà europee e internazionali, valorizzando tutte le opportunità offerte dagli strumenti digitali, con particolare riferimento alle iniziative di confronto sulle politiche locali, nell’ottica di sviluppare nuove strategie e soluzioni innovative in conseguenza dell’epidemia di Covid-19.