Quantcast

Le Rubriche di RavennaNotizie - Cucina

Lo chef Igles Corelli premiato con il Diamante Estense

Più informazioni su

Consegnato il premio Diamante Estense a Igles Corelli, perché ha contribuito a dare prestigio, lustro e notorietà al territorio ferrarese sia a livello nazionale che internazionale ed è uno dei padri della cucina stellata che ha avuto, col suo lavoro, numerosi riconoscimenti dalla critica gastronomica italiana e internazionale.

Corelli ha ripercorso la sua storia, dalla trattoria di famiglia ad Alfonsine, ma il passaggio è stato al servizio di leva, nella marina. “Lì mi sono appassionato alla cucina, stimolato da un ottimo maestro”. Poi le stagioni al mare, le esperienze internazionali, l’incontro con Gigino Basigli, l’arrivo al Trigabolo di Argenta, aperto nel 1983 come pizzeria dall’ex fornaio argentano Giacinto Rossetti e poi diventato uno dei ristoranti più prestigiosi d’Italia.

Il piatto che ha sdoganato i primi successi? “È stato un creme caramel di cipolla, piatto che segnò la prima vittoria. Lì mi sono accorto che eravamo sulla strada giusta”, ha detto lo chef.

Oggi da ormai dieci anni collabora col Gambero Rosso e ne è il coordinatore di tutte le scuole in Italia: “Mi piace avere a che fare con i giovani e dare un contributo alla formazione. Non ho mai creduto nei tuttologi, per questo ho un gruppo di grandi collaboratori, specializzati nei diversi settori”. E poi l’innovazione. “Al laboratorio abbiamo tecnologie uniche. Stiamo adottando il ‘Proton’, abbattitore criogenico per refrigerare le materie prime in un nanosecondo. Oggi le tecnologie sono fondamentali per la ristorazione”.

“Uno dei segreti in cucina? Più lo chef è tranquillo, più la ‘brigata’ è nelle condizioni di lavorare al meglio e più il cibo è migliore”. E poi un pensiero alla zucca violina: “E’ una cosa da ‘fuori di testa’, la migliore. L’ho portata a Roma e fatta assaggiare ad amici e colleghi. La nostra materia prima è sempre con me”.

“Sono molto orgoglioso di questo premio, ho dedicato 132 ore in televisione e sono riuscito a far pubblicare oltre 2700 articoli sulla gastronomia di Ferrara, perché il mio territorio e le sue eccellenze enogastronomiche sono sempre state al primo posto nel mio cuore- dichiara Chef  Corelli- e tanto ancora deve essere fatto per far conoscere tutte le particolarità e le ricette tipiche, penso che il Ferrara Food Festival si un bel passo avanti nella promozione della città. Per l’occasione ho ideato un piatto dedicato ai ferraresi e a questa manifestazione, con ingredienti semplici da poter riprodurre a casa. Un cannolo ripieno con zucca violina, ricotta e noce moscata su una crema di parmigiano e salame croccante, che mia madre usava spesso sul radicchio”.

Il re del food di Ferrara che negli anni si è particolarmente contraddistinto nel promuovere le eccellenze del territorio e maestro indiscusso della ristorazione italiana oltre che volto noto di Gambero Rosso Channel con il suo programma “Il gusto di Igles”, e Coordinatore del Comitato Scientifico di Gambero Rosso Academy. Agli inizi degli anni Ottanta apre nel territorio ferrarese, ad Argenta, sua città natale, un ristorante che ha fatto la storia della cucina stellata e che ha dato lustro a Ferrara e alla sua tradizione culinaria: Il Trigabolo di Argenta, due stelle Michelin poi con La Locanda della Tamerice di Ostellato, una stella Michelin.

 

Più informazioni su