Faenza. Torna “Puliamo il Mondo” di Legambiente. Si comincia con l’argine del fiume

Più informazioni su

Torna Puliamo il Mondo, la storica campagna di volontariato ambientale sulla gestione sostenibile dei rifiuti e sulla promozione dell’economia circolare, giunta alla 27esima edizione.

“Puliamo il Mondo si compone infatti di tanti piccoli gesti per la tutela e la valorizzazione dei beni comuni, attraverso azioni di cittadinanza attiva, per promuovere la bellezza dei luoghi ma anche per offrire un’occasione di integrazione e di abbattimento delle barriere culturali e sociali”  spiegano dal Circolo Legambiente Lamone di Faenza.

Ogni anno a fine settembre, volontari di tutto il mondo, si danno appuntamento in oltre 120 Paesi per scendere in piazza e dare un segnale concreto di voglia di fare e di identità territoriale.

Puliamo il mondo 2019 a Faenza il 22 settembre 2019
ore 9.00 Ritrovo e Iscrizione presso il Gazebo di Legambiente all’interno della Festa delle Associazioni in Piazza del Popolo, a seguire Puliamo l’argine del fiume.

Come per gli anni scorsi si continuerà anche nelle successive giornate di settembre e ottobre attraverso un calendario condiviso con le scuole, tutti i giorni si organizzeranno momenti di incontro e di “ pulizia “ nei parchi faentini – spiegano da Legambiente.

Come lo scorso anno alla luce delle continue manifestazioni di odio e violenza nella società reale e in quella virtuale, a partire dai social network, abbiamo deciso di continuare con lo slogan “Puliamo il mondo dai pregiudizi” che caratterizzerà anche la campagna di quest’anno – prosegue il circolo faentino – . Sono state realizzate numerose attività tra i nostri Circoli locali e le associazioni che si occupano di migranti, comunità straniere, richiedenti asilo politico, detenuti, disabilità, salute mentale, discriminazione basata sull’orientamento sessuale, insieme a scolaresche, gruppi scout e non solo. Ancora una volta abbiamo confermato che un mondo diverso è possibile solo se lo costruiamo tutti insieme, valorizzando ciò che ci differenzia e consolidando quello che ci accomuna.

Più informazioni su