Valle della Canna. Italia Nostra: 4000 volatili morti. Persi tre giorni pur di non chiudere la caccia

Italia Nostra ha chiesto le dimissioni di tutti i responsabili

“Volendo dar per buono che nessuno sapesse assolutamente nulla fino a mercoledì 2 ottobre, quando sono iniziate le operazioni di raccolta dell’avifauna morta o morente a Valle Mandriole – e sappiamo che non è così: si parla di primi uccelli con segni di intossicazione presumibilmente botulinica almeno da inizi settembre – lascia basito il provvedimento di sospensione delle attività venatorie emesso solo oggi, dopo sei giorni, dalla Regione” commenta Italia Nostra Sezione di Ravenna.

“Venerdì si sono concluse le prime operazioni di raccolta, con circa 1500 volatili morti e 130 ancora vivi, ma, anziché chiudere immediatamente le attività venatorie e continuare di gran carriera i recuperi lanciando un appello a tutte le associazioni di volontariato affinché collaborassero numerose, per ben tre giorni (sabato, domenica e lunedì, giorni di attività venatoria) la Valle è stata lasciata al suo destino ed è stata interrotta la raccolta degli animali ancora vivi” .

L’associazione sottolinea che sono andati persi tre giorni preziosissimi, pur di non chiudere la caccia: “si ricomincia la raccolta martedì mattina 8 ottobre. Anche se non è arrivato alcun invito ufficiale, Italia Nostra ci sarà. Da quello che viene stimato, i morti potrebbero essere almeno 4000: è evidente che anche il numero di quelli che potevano essere prelevati ancora vivi è da triplicare rispetto ai 130 circa attualmente superstiti. E come si poteva concedere ai volontari di andare a soccorrere gli uccelli, facendo comunque disturbo che avrebbe potuto spingere i volatili ancora sani (o appena contagiati) fuori da Valle Mandriole, quando fuori c’erano le doppiette ad aspettarli? Perché, va detto, botulino permettendo, Punte Alberete e Valle Mandriole sono da sempre un formidabile serbatoio di selvaggina utile per le attività venatorie che si svolgono tutto attorno, preziosissimo Bardello compreso”.

“Dopo una gestione da molto tempo totalmente inefficiente e senza alcun controllo, dopo le due prese d’acqua da Lamone e Reno fuori uso che attendono sistemazione da vent’anni, dopo 400 mila euro appena spesi per le “porte” di accesso al Parco del Delta – detto anche “Il Parco dove gli uccelli vanno a morire” o “Parco della Morte”-, nemmeno stavolta, davanti all’ecatombe, qualcuno ha agito secondo legge” prosegue Italia Nostra.

L’articolo 19 della legge 157 prevede che: “Le regioni possono vietare o ridurre per periodi prestabiliti la caccia a determinate specie di fauna selvatica (..) per sopravvenute particolari condizioni ambientali, stagionali o climatiche o per malattie o altre calamità”, ma non è stato applicato fino ad oggi.

Italia Nostra fa quindi una pubblica richiesta: chiede che vengano accuratamente rilevati e diffusi sia il censimento per genere e specie degli uccelli di trovati morti, raccolti morenti e morti dopo ricovero al CRA, per una valutazione approfondita del danno complessivo e alle specie protette, ma anche  l’esecuzione di analisi (es. radiografie) per accertare eventuali altre cause o concause, come ad esempio il saturnismo, ovvero avvelenamento da pallini in piombo da caccia.

Inoltre richiedono l’intervento di ISPRA, ente nazionale competente in questi casi, per una relazione dettagliata sui casi simili  verificatisi in Regione Emilia Romagna nell’ultimo ventennio e anche su questo in particolare, sulle cause  e sugli interventi di contrasto applicabili. Sappiamo che ISPRA è già stato interpellato, ma i dati vanno resi pubblici.
Infine l’associazione vorrebbe l’intervento dello Stato (Prefetto), laddove pare evidente che la Regione, il Parco del Delta del Po che per primo doveva monitorare ed agire, e gli Enti locali (Comune di Ravenna, Provincia) sembrano coinvolti a vario titolo nel reato di disastro ambientale.
Motivo per cui Italia Nostra ha chiesto le dimissioni di tutti gli ignavi responsabili, ed auspica che l’intervento della Magistratura faccia piena luce su questo scandalo ambientale, sanitario e di inciviltà senza precedenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da BARUZZI LUCIANO

    da vecchio attivista di ITALIA NOSTRA fino dagli anni 70 in VENETO poi in ROMAGNA FONDATORE DEL WWFLUGO,DICHIARO ANCORA UNA VOLTA la mia contrarietà alla uccisione di uccelli nella valle CANNA ED in altre strutture naturali che BISOGNA tutelare per il BENE COMUNE IN OGNI SITUAZIONE–IL PARCO DEL DELTA DEL PO DEVE ESSERE UNIFICATO PER LA MIGLIORE PROTEZIONE–GRAZIE,a disposizione LUCIANO BARUZZI GEOGRAFO AMBIENTE LUGO–

  2. Scritto da Michele

    Non so chi siate Voi di Italia Nostra (anzi Vostra per quel che scrivete) ma non vi ho visto a sporcarvi nel fango fino ad ora…. per Vostra conoscenza la quasi totalità dei Cacciatori si sono astenuti dall’attività Venatoria agli acquatici da Mercoledì in poi, naturalmente qualcuno non ha aderito ma suppongo che anche fra le Vostre fila non siate tutti illuminati…. qualche pecora nera ci sarà….. Vi voglio ricordare che fino a quando la valle era gestita da NOI cacciatori queste cose non succedevano e il saturnismo riguardava solo le Vostre associazioni pseudo animaliste gonfiate dai rimborsi statali che da quando hanno preso in gestione la Valle “hanno dato inizio alla FINE!!!!! In ultimo Vi vorrei ricordare che l’allarme è stato dato ancora una volta da NOI Cacciatori ( la C maiuscola non è un caso) perché per voi PSEUDO animalisti gli uccelli non devono morire solo se a ucciderli siamo Noi che li rispettiamo li amiamo a fronte di un’ETICA che a voi evidentemente manca.

  3. Scritto da Luca

    Premetto che sono un cacciatore e che ho cominciato a chiamare la Provincia, la Regione e il Parco delta del Po. 4 telefonate in Provincia, 6 in Regione, e 5 alla direzione del Parco a partire dal 10 Settembre. Ho contattato anche le persone (teoricamente) giuste ma ho ricevuto come risposta solo dei “bravo bravo, grazie per la segnalazione…attiverò le procedure del caso..), l’attivazione delle procedure del caso è sotto gli occhi di tutti. Da cacciatore mi ha dato molto fastidio il titolo persi tre giorni pur di non chiudere la caccia, alla fine è sempre colpa nostra e sembra che in questi tre giorni si sarebbe potuto fare chissà che cosa. Mi dispiace che si usino le nefaste conseguenze di menefreghisti che siedono ai vari tavoli istituzionali (Provincia,Regione,Parco) per parlare male dei cacciatori invece di cercare una coalizione per risolvere i problemi. Le mele marce ci sono da entrambe le parti (cacciatori ed associazioni ecologiste varie) ma uniti si potrebbe fare la differenza.

  4. Scritto da Luigi arcozzi

    Una cagata pazzesca alla fantozzi prima si fanno morire gli unici a ripulire i cacciatori volontari poi per ringraziarli si chiude la caccia .cosa serve che sono già morti solo pers sfotterli la prossima volta ci vanno i Verdi e il wwf a ripulire e ricordatevi quando andrete a votare per le regionali non porgete altra guancia una vergogna totale e una offesa alla democrazia penalizzando chi fa altri tipi di caccia nelle zone limitrofe per colpa di assassini degli ambienti naturali