Quantcast

Ravenna, Pompignoli (Lega) contro divieto di caccia nella Valle della Canna: “Scaricare le conseguenze sui cacciatori”

Anche la Lega E-R si dice contraria al provvedimento emesso ieri dall’Ente Parco in sintonia con la Regione Emilia-Romagna che sancisce il divieto di caccia nella Valle della Canna, luogo in cui diversi giorni fa sono stati trovati morti esemplari di anatidi a causa del batterio del botulino.

“Non ci sono parole per commentare la decisione assunta dall’Ente Parco in sintonia con la Regione Emilia-Romagna di vietare la caccia in un raggio di tre km dal perimetro dell’area colpita dalla moria di anatidi. Invece di accertare le negligenze e le responsabilità di questa mattanza e di ringraziare tutti quei cacciatori che in questi giorni sono intervenuti, volontariamente, per rimuovere le carcasse e contribuire al ripristino della salubrità della Valle, la Regione e l’Ente Parco hanno pensato di ‘scaricare’ le conseguenze di questo disastro annunciato proprio su chi non ha responsabilità perché non coinvolto nella gestione dell’area.” A dirlo è il consigliere regionale della Lega Emilia-Romagna, Massimiliano Pompignoli, che aggiunge: “se la Valle fosse stata gestita, come in passato, dai nostri cacciatori, tutto questo non si sarebbe verificato. E il motivo è semplice. La caccia è tutela della fauna selvatica ma anche passione, volontariato e profondo senso civico.”

“A tutti quei cacciatori che stanno dando una mano per salvare il salvabile in una drammatica lotta contro il tempo – aggiunge Pompignoli – si dovrebbe dire grazie se non di più. Con la decisione di interdire la caccia nel raggio di tre km dal perimetro contaminato, invece, si è presa la direzione opposta, punendo chi non ha responsabilità nel disastro ambientale della Valle della Canna e relegando i cacciatori in un’area insufficiente e pericolosa dal punto di vista dell’incidenza numerica”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da patrizio

    Uhh ancora questa storia della gestione della valle tanto illuminata operata dai cacciatori…E’ dalla fine degli anni 1970 che è protetta e non la “gestiscono” più, a un bel po’ di tempo ed il mondo è cambiato un bel po’! A momenti c’era ancora Garibaldi che girava dal quelle parti.

  2. Scritto da Francesca Santarella

    Toccherà costituirsi per le “inesattezze”, chiamiamole così, che scrivono anche fuori Regione! http://www.consiglioveneto.it/crvportal/pageContainer.jsp?n=80&p=80&c=5&e=88&t=1&idNotizia=37531