Una ghianda di quercia ai bambini delle scuole per piantare nuovi alberi in città: la regala Legambiente di Faenza

Più informazioni su

Anche quest’anno il Circolo Legambiente Lamone Faenza partecipa alla grande campagna La festa dell’Albero, impegnandosi con incontri nelle scuole, dal 14 al 29 novembre, che coinvolgeranno circa 500 alunni delle materne e delle elementari. Alle classi e agli alunni sarà donata una ghianda di una quercia del parco Malmerendi, che potrà essere piantata in un luogo idoneo.

Legambiente chiede alle scuole, non solo – dove possibile – di piantare “un albero per il clima”, ma di contribuire a coinvolgere tutti in quella che deve diventare una mobilitazione generale per il contrasto ai cambiamenti climatici. Questo impegno, che continuerà nei prossimi anni, proporrà ad ogni scuola di divenire “Scuola Sostenibile” e di promuovere azioni concrete e momenti di sensibilizzazione sul territorio.

“Anche a Faenza vogliamo cogliere questa occasione per costruire un momento di cittadinanza attiva sul tema dei cambiamenti climatici di tutta la comunità – spiegano dal circolo Legambiente – e, in questo senso, pensiamo che la Festa dell’Albero possa essere l’inizio di un percorso che, con forza, chiediamo di fare a tutta la cittadinanza e alle amministrazioni, sulle politiche di contrasto e adattamento ai cambiamenti climatici. Quest’anno, possiamo incrociare la nostra storica Festa dell’Albero con la convinta adesione all’appello della Comunità Laudato Si’, che lo scorso 12 settembre ha avanzato una proposta, a firma di Stefano Mancuso, Direttore LINV, Carlo Petrini, Presidente Slow Food e del Vescovo di Rieti, Domenico Pompili, di piantare il più rapidamente possibile 60 milioni di alberi per contrastare la crisi climatica.Una bella idea, accolta, ed ampiamente condivisa, dai mass media che però rischia di essere fuorviante se non verrà trasformata in un progetto concreto su scala nazionale, basato su criteri scientifici e integrato con la gestione degli alberi che già vegetano sul nostro territorio. Non basta dire “piantiamoli”, servono spazi e luoghi idonei, materiale vivaistico controllato e risorse per le cure colturali”.

Più informazioni su