Valle della Canna: l’opposizione porta la discussione in Consiglio comunale

Più informazioni su

I consiglieri comunali di Lista per Ravenna, Lega Nord, Forza Italia e Ravenna in Comune hanno sottoscritto una richiesta di convocazione comunale (che – a norma di legge – dovrà avvenire entro 20 giorni dalla data di presentazione) per discutere della Valle della Canna. L’ordine del giorno è così formulato: 1) risultanze della seduta conoscitiva/propositiva della commissione consiliare n. 4 Ambiente, convocata in data 14 novembre 2019, sui fatti che, tra settembre ed ottobre scorsi, hanno prodotto una elevata moria di uccelli nella Valle Mandriole (o della Canna); 2) valutazioni e proposte di indirizzo per promuovere il risanamento e la vitalità della Valle. Relatore sul tema sarà Alvaro Ancisi, quale primo firmatario della richiesta.

“La commissione Ambiente del 14 novembre, durata quattro ore e mezza, con la partecipazione di una qualificata rappresentanza degli enti maggiormente interessati al tema (Comune di Ravenna, Parco del Delta del Po, AUSL, Romagna Acque e ISPRA) e delle associazioni ambientalistiche e venatorie, nonché di esperti e tecnici specializzati di supporto ai commissari, ha prodotto un vasto e appropriato materiale di analisi, valutazioni e proposte. Si intende portarlo ora a sintesi in consiglio comunale, orientandolo verso l’indicazione di azioni volte appunto a “promuovere il risanamento e la vitalità della Valle” con la condivisione più larga possibile delle forze di governo della comunità locale. – si legge in una nota dello stesso Ancisi – I punti su cui potrebbe incentrarsi il dibattito sono, a mio giudizio, i cinque seguenti: 1) linee di indirizzo da disporre, alla luce dei fatti avvenuti nella Valle della Canna tra settembre e ottobre scorsi, per fronteggiare tempestivamente il rischio di nuove emergenze idriche nelle zone umide a nord di Ravenna; 2) azioni da programmare per evitare che l’avvenuta epidemia da botulino nella valle stessa, superata ma non definitivamente, abbia a riproporsi la prossima stagione estiva; 3) interventi in corso o annunciati per fronteggiare nel breve periodo la carenza di alimentazione idrica organica e metodica della valle; 4) quadro programmatico delle opere e degli interventi da attivarsi, in sintonia tra Regione Emilia-Romagna, Parco del Delta e Comune di Ravenna, al fine di risolvere sistematicamente la crisi delle zone umide a nord del territorio ravennate, segnatamente di Valle della Canna, Punta Alberete e Pialassa Baiona, promuovendone in forma strutturata la circolazione e il ricambio delle acque e il controllo sistematico dei rispettivi apporti; 5) urgente affidamento della gestione di Valle della Canna e di Punta Alberete onde superarne l’inadeguato assetto, da troppo tempo provvisorio.”

 

Più informazioni su