Quantcast

Firmato accordo per regolare interventi urbanistici in attesa del completamento del depuratore di Lugo

Più informazioni su

E’ stato firmato giovedì 19 dicembre durante la Giunta dell’Unione dei Comuni della  Bassa Romagna l’accordo tra Hera spa, Unione dei Comuni della Bassa Romagna e Unione della Romagna Faentina in relazione all’impatto sul sistema fognario-depurativo di Lugo di nuovi interventi urbanistici.

L’impianto di depurazione delle acque reflue di Lugo necessita infatti di interventi di potenziamento e adeguamento normativo già previsti nel piano degli investimenti di Atersir, senza i quali non sarebbe possibile approvare alcun intervento di espansione urbanistica nei comuni che afferiscono al depuratore: Lugo, Cotignola, Sant’Agata sul Santerno, Bagnara di Romagna, Solarolo e Castel Bolognese. Attualmente è in corso di completamento la progettazione definitiva e i lavori dovrebbero concludersi nel 2022.

Hera, sulla base delle esigenze del territorio, ha individuato, grazie ad uno studio modellistico condotto preliminarmente alle attività di progettazione, alcuni primi interventi attuabili in tempi brevi, entro aprile 2020, per l’incremento della  capacità depurativa dell’impianto.

Questo primo stralcio consentirà di dare un’adeguata risposta nel breve-medio periodo agli interventi urbanistici previsti, in parte presentati e approvati, in parte da approvare, rendendo disponibile una capacità depurativa pari a 1.300 abitanti equivalenti, di cui 300 erano già previsti.

La maggiore capacità dell’impianto di ricevere reflui verrà ripartita fra i comuni che convogliano i propri scarichi al depuratore: in particolare per il 27% ai Comuni della Romagna Faentina e per il 73%  ai Comuni della Bassa Romagna.

Il secondo stralcio del progetto complessivo riguarderà invece un più ampio intervento di potenziamento del depuratore di Lugo, caratterizzato da un iter autorizzativo di  Valutazione di Impatto Ambientale che sarà avviato nella prima metà del 2020, che porterà la capacità depurativa totale da circa 103.000 abitanti equivalenti a 110.000. L’accordo prevede, inoltre, incontri periodici almeno semestrali fra le parti, per monitorare lo stato di avanzamento delle attività di progettazione e realizzazione dei lavori.

Alla firma dell’accordo erano presenti l’Ing. Luca Migliori, responsabile progettazione della Direzione Ingegneria di Heratech, il Dott. Stefano Ravaioli, responsabile dei Servizi Ambiente e Protezione Civile dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, e l’Arch. Lucio Angelini Dirigente del Settore Territorio della Romagna Faentina.

Più informazioni su