Stefano Busetti (Ausl Romagna): “State a casa. Rispettate assolutamente la quarantena”

Nel video, realizzato dalla Redazione Web del Comune di Rimini, il direttore sanitario dell’Ausl Romagna, Stefano Busetti, illustra i dettagli della situazione Covid-19 in Romagna e rimarca la necessità da parte dei cittadini di rispettare le prescrizioni a tutela della salute dettate dal Governo con il recente Decreto (entrato in vigore ieri 10 marzo).

Coronavirus

“Come azienda AUSL Romagna siamo impegnati in questo periodo – dichiara Busetti – a garantire le prestazioni e i livelli essenziali di assistenza per tutta la popolazione romagnola. Per fare questo ovviamente stiamo mettendo in atto tutte le misure organizzative sia per poter fronteggiare l’epidemia in corso, sia per poter garantire le prestazioni essenziali per le altre patologie di cui soffre la popolazione, perché non c’è solo l’emergenza Coronavirus e non possiamo dimenticare tutte le altre situazioni che richiedono un intervento sanitario di pari livello.”

Gli sforzi sono finalizzati a far sì che gli ospedali romagnoli siano attrezzati in modo adeguato per accogliere anche grandi quantità di pazienti che risultino positivi al Coronavirus – continua Busetti – ma soprattutto ad aumentare la disponibilità di posti letto nelle terapie intensive, poiché questo è il fattore cruciale per affrontare in maniera efficace le diverse intensità che questa malattia comporta. Questi sforzi possono andare a buon fine se il numero dei pazienti contagiati da assistere rimane entro certi limiti. Per questo è fondamentale prevenire la diffusione del contagio. Perché se il numero dei contagiati sale eccessivamente diventa difficile trovare spazi e risposte adeguate per tutti, soprattutto nelle terapie intensive che sono comunque disponibili in un numero limitato. Se non si limita la diffusione del contagio si rischia di mettere in crisi tutto il sistema sanitario.”

“Da qui la necessità imprescindibile di adottare tutte quelle misure di prevenzione del contagio che sono contenute nei provvedimenti Governativi, della Regione e della stessa AUSL Romagna. – precisa il direttore sanitario – Per evitare il contagio la prima regola è quella di evitare assembramenti e affollamenti e il messaggio chiaro dato ai cittadini è quello di stare il più possibile a casa. Ci si deve muovere il meno possibile ed è possibile farlo solo per casi di necessità, per lavoro, per questioni di salute o per fare la spesa quando necessario. Quindi il primo invito è di stare a casa e di uscire solo se strettamente necessario. Va considerato anche il fatto che le Forze dell’Ordine stanno verificando che questa prescrizione venga rispettata, perché le trasgressioni sono punibili. Questa è l’unica vera misura preventiva, al di là di tutti i discorsi che si possono fare su altre cose.”

Un’altra cosa molto chiara è che i soggetti in isolamento domiciliare o quarantena perché sono venuti in contatto con persone risultate positive debbono restare assolutamente al loro domicilio. – conclude Busetti – Con i nuovi provvedimenti del Governo questa misura diventa ancora più vincolante, sottoposta a controlli da parte delle forze dell’ordine: la violazione di questa norma assume rilievo di carattere penale.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Cittadino inc..to

    Per far rispettare le regole ..applicate metodi cinesi! Molto convincenti e risolutivi!

  2. Scritto da Roberto

    Tutti quelli che ieri erano al parco Baronio dovrebbero vergognarsi. Ma è così difficile capire che la situazine è grave? Se chiudono scuole esercizi commerciali e poi si va a fare sport e passeggiare in un luogo circoscritto ognuno a pochi metri dall’altro allora tutti i consigli e gli sforzi finiscono vani e non ditemi che nel decreto c’è scritto che si può fare sport all’aperto. Basta il buon senso!

  3. Scritto da paolo

    C’e’ scritto che si puo’ fare sport all’aperto purche’ da soli …

  4. Scritto da Mah..

    Parco baronio, parco davanti al cinemacity, davanti al cmp, a camerlona. Molte persone in compagnia a correre passeggiare o in bicicletta. Io sto a casa dovrebbe essere un impegno di tutti e non solo di qualcuno.