China Merchants Industry dona agli ospedali di Ravenna, Faenza e Lugo 58.000 DPI. De Pascale: Gesto che non dimenticheremo foto

La China Merchants Industry – una delle più significative compagnie di Stato cinesi, operante nei settori della logistica portuale, della cantieristica, delle infrastrutture e della finanza che ha stabilito la sua sede europea a Ravenna – attraverso la China Merchants Charitable Fundation ha donato agli ospedali di Ravenna, Faenza e Lugo 50.000 mascherine di tipo chirurgico e 5.000 NFPP2, 2.000 occhiali monouso, 1.000 tute di protezione medica monouso, disponibili già da oggi nelle strutture sanitarie.

Il general manager della China Merchants Industry Holdings, Simple Hu Xianfu, ha annunciato questa generosa donazione attraverso una lettera amichevole indirizzata al sindaco di Ravenna Michele de Pascale, nella quale ha espresso una grande empatia per la popolazione italiana che sta fronteggiando la stessa epidemia globale della Cina, e la volontà di sostenere concretamente l’Italia nella lotta al Covid-19 elargendo dispositivi di protezione individuale, ai medici e agli operatori sanitari del nostro territorio.

L’arrivo dei DPI donati, è stato gestito attraverso una joint venture tra Ravenna Farmacie, che si è occupata di verificare l’idoneità dei prodotti, Sapir che ha gestito la parte logistica e la Casa di spedizione Casadei Ghinassi che si occupata degli aspetti doganali e d’importazione.

“Ringrazio di cuore il general manager della CMGH Simple Hu Xianfu per le bellissime parole – dice il sindaco Michele de Pascale – e il generoso gesto di cui la nostra comunità è immensamente grata e di cui non ci dimenticheremo.  L’amicizia e la leale collaborazione che ci lega, trova in questo difficile frangente l’espressione più alta, quella di due comunità che stanno fianco a fianco, in uno dei momenti più dolorosi di questa epoca storica. I miei ringraziamenti vanno anche a tutti coloro che con grande impegno hanno lavorato per coordinare e gestire il processo di importazione: Stefano Schiavo Chief executive officer di CMIT – Europe, Ravenna Farmacie, Sapir e la Casa di spedizione Casadei Ghinassi. Nei prossimi giorni spero di poter annunciare l’arrivo di ulteriori Dispositivi di protezione individuale per i nostri medici e operatori sanitari, che sono ogni giorno in prima linea nel fronteggiare l’emergenza e devono poterlo fare nelle migliori condizioni di sicurezza”.

“Fin da subito – spiega Bruna Baldassarri, presidente di Ravenna Farmacie – ci siamo messi a disposizione con le nostre strutture per agevolare l’arrivo di questo preziosissimo materiale sanitario. In particolare abbiamo offerto le nostre competenze per verificare l’idoneità e la qualità dei prodotti in relazione alle esigenze degli ospedali”.

“Parlo a nome di tutti i miei colleghi che lavorano per China Merchants – commenta Stefano Schiavo Chief executive officer di CMIT – siamo molto orgogliosi che il management della nostra casa madre, abbia immediatamente e senza alcuna esitazione, accolto con entusiasmo la nostra richiesta di supporto per l’ospedale di Ravenna. Essere parte di un grande gruppo ha fatto si che nonostante tutte le difficoltà note per l’approvvigionamento, siano passati solo pochi giorni dalla nostra richiesta, all’arrivo del materiale sanitario. Ringrazio ancora Mr. Li Jianhong Presidente di China Merchants Group , Mr. Wang Cuijun,Vice Presidente China Merchants Group e Mr. Simple Hu General Manager di China Merchants Industry,  ed evidenzio come aver voluto scegliere una espressione latina (Verae amicitiae sempiternae sunt) per manifestare la loro vicinanza, testimoni il grande rispetto per la nostra cultura.  Agli operatori sanitari va tutto il nostro aiuto e supporto perche’ lavorano per i nostri cari e per la nostra salute. Devono essere tutelati per primi perche’ sono loro in prima fila e senza la loro opera non riusciremo mai a sconfiggere questo mostro del COVID 19.  Aggiungo, infine, che tutti i dipendenti di China Merchants Industry Technology, hanno deciso di contribuire in proprio per l’acquisto  di un piccolo macchinario medico che possa essere di vero aiuto ai chi lavora per noi. Un caloroso grazie infine a tutti quelli che hanno contribuito ad aiutarci a far arrivare il materiale e che si sono adoperati con entusiasmo e professionalità”.