Emergenza Coronavirus. Ancora tante donazioni per i nostri Ospedali

Più informazioni su

Unieuro dona oltre 2.000 smartphone per avvicinare i ricoverati ai propri familiari

Unieuro, il leader nella distribuzione di elettronica di consumo ed elettrodomestici in Italia, ribadisce il proprio impegno concreto a sostegno della comunità, donando oltre 2.000 smartphone a beneficio dei malati di Covid-19 impossibilitati a comunicare con i propri cari. La prima fase del progetto, già completata, ha riguardato gli ospedali dell’Emilia Romagna a cui sono in consegna in tempi record i primi 1000 smartphone Motorola. Unieuro conferma la vicinanza al proprio territorio facendo leva sulla collaborazione di una Regione che ha dimostrato una forte ricettività organizzativa e tecnologica. E’ stata attivata una vera e propria task force operativa in grado di non gravare sulle strutture ospedaliere destinatarie e con l’obiettivo di rendere immediatamente disponibili i telefoni.

Nel contempo, Unieuro sta lavorando per destinare gli altri device agli ospedali e alle case di cura per anziani (RSA) nelle aree maggiormente colpite del Paese. In questa seconda fase, in collaborazione con Vodafone Italia, i telefoni saranno corredati di una SIM dati necessaria a garantire la connettività anche nelle strutture prive di wi-fi.

“In un mondo iperconnesso, l’attuale emergenza sanitaria ha infiniti risvolti tragici, persino quello di non consentire ai pazienti ricoverati di ricevere conforto e calore dai propri familiari”. “Unieuro, che da sempre sostiene il ruolo dell’innovazione al servizio delle persone grazie ad un uso consapevole della tecnologia, ha pertanto deciso di dare il proprio contributo nel combattere questa disconnessione forzata, con un gesto concreto, realizzato in collaborazione con Motorola e Vodafone, partner importanti che ringrazio di cuore” dichiara la società.

Donazione del Lions Club Milano Marittima 100

Il Club Lions Milano Marittima 100, nato alcuni anni fa per sostenere la So.Sosan emergenza sanitaria lionistica, club composto da pochi membri rispetto ad altre realtà lion più rappresentative e strutturate, si è prodigato in questi giorni, per un ulteriore sforzo economico. Il Club presieduto da Loris Savini, sensibile ai bisogni di questo momento difficile, oltre a sostenere finanziarmente la Sosan in modo costante, aderisce prontamente al Service Distrettuale emergenza Covid, coordinato dal Presidente dei distretti A e B Giuseppe Cortesi. La raccolta fondi tra i vari club dei due distretti verrà devoluta a breve agli ospedali del nostro territorio Ravenna-Forlì- Cesena. Non si ferma qui il Club Lions Milano Marittima 100 e sostiene un secondo service anti- Covid: versa contributo alla consulta del volontariato di Cervia, per supportare persone in urgente difficoltà economica. Sarà il Sindaco di Cervia a distribuire i “Bonus” in base alla lista delle richieste, valutando le necessità primarie.

Auser Ravenna sostiene l’Ospedale Umberto I di Lugo

In questo momento di grande emergenza i volontari storici di Auser, affiancati ai molti giovani che hanno risposto alle chiamate dei sindaci del nostro territorio, continuano a dare il loro contributo sostenendo le fasce più fragili e sole della popolazione, in stretta collaborazione con le Amministrazioni pubbliche, il Servizio Sanitario e tutte le associazioni di volontariato coinvolte.
Auser Ravenna ha donato 6.000 Euro all’Ospedale Umberto I di Lugo, scelto dalla Regione Emilia Romagna e dall’AUSL come Covid Hospital per affrontare l’emergenza Coronavirus a integrazione dell’ospedale di Ravenna. L’importo è stato donato da tutti i circoli di volontariato e centri culturali ricreativi di Auser Ravenna.

Il sindaco di Fusignano Nicola Pasi, a nome di tutta la comunità, ha ringraziato i volontari di Auser per la donazione fatta: “La realtà di Auser nel nostro comune è particolarmente attiva e si è sempre distinta per una grande partecipazione alla vita della comunità – ha sottolineato il primo cittadino -. Questa donazione conferma lo spirito di solidarietà radicato nei nostri volontari”.

L’Associazione di Volontariato Cinoservizio di Lugo per l’Ospedale Umberto I

I volontari del Cinoservizio di Lugo hanno deciso di contribuire alle donazioni a favore del nosocomio lughese “Umberto I”. La somma di mille euro, già versata a favore dell’Ospedale, va ad aggiungersi a quelle pervenute da parte di tutte le persone, associazioni ed attività produttive del territorio, per l’acquisto di attrezzature necessarie per contrastare l’emergenza sanitaria Covid-19. “Vogliamo veramente ringraziare con tutto il cuore il personale sanitario dell’AUSL Romagna che, con grande lavoro, abnegazione ed ammirevole sforzo, sta operando in questa condizione di assoluta emergenza anteponendo la salute dei cittadini alle proprie esigenze private, nella cura dei malati. La nostra associazione opera nel territorio da oltre 28 anni e la comunità l’ha sempre sostenuta con tanto affetto. Oggi che siamo noi a poter fare qualcosa in più per la nostra comunità, non intendiamo sottrarci ma, anzi, vogliamo far sentire forte la nostra vicinanza a tutti coloro che sono impegnati a gestire questa emergenza. Grazie davvero”. Così i volontari del Cinoservizio ODV.

Più informazioni su