Lavori al canile di Cervia: cresce il numero di cani perché molti proprietari rinunciano a tenerli

Più informazioni su

La giunta comunale ha approvato l’intervento di messa in sicurezza delle recinzioni interne del canile di Cervia “A. Coatti”. In particolare la struttura accoglie diversi cani randagi di ‘indole fuggitiva’ e  pertanto occorre apportare modifiche alle recinzioni della struttura comunale. Questi cani infatti tendono a mordere le recinzioni danneggiandole e a fuggire, scavalcando le attuali recinzioni che non presentano sistemi di dissuasione, costituiti dalla parte superiore inclinata verso l’interno o addirittura copertura totale dell’area recintata, spiegano dal Comune.

Inoltre il numero di cani è sempre più in crescita, infatti molti proprietari rinunciano a tenerli, fanno sapere dal Comune, in quanto spesso sono “inesperti e inconsapevoli dell’impegno necessario e li affidano al canile, alcuni di questi animali hanno sviluppato aggressività sfociata anche in episodi di gravi incidenti domestici”. Pertanto occorre  creare recinti dotati di sistemi di ingresso e uscite che consentano agli operatori e agli educatori di operare in sicurezza per il loro recupero  comportamentale.

Il costo complessivo dei lavori è di  30 mila euro di cui la metà finanziati con fondo regionale.

L’assessore Enrico Mazzolani ha dichiarato: “Il nostro canile ha la necessità di un intervento di adeguamento delle recinzioni interne per la sicurezza degli animali e degli operatori. La struttura accoglie animali recuperati nei territori dei comuni di Cervia e Cesenatico e si è sempre ispirata ai principi di salvaguardia del benessere e di elevata qualità della vita degli animali custoditi, grazie all’impegno e alla professionalità del personale e dei volontari che dedicano il loro tempo e a cui va il nostro ringraziamento”.

Più informazioni su