Coronavirus. Sul focolaio faentino interviene il Sindaco Malpezzi: in atto procedure per ricostruire la catena dei contatti

Sui caso dei ragazzi faentini risultati positivi al coronavirus, dopo un viaggio in Grecia è intervenuto ieri, 10 agosto, il sindaco di Faenza, Giovanni Malpezzi: “Purtroppo in questi ultimi giorni, ci sono stati diversi casi di positività nella nostra città. Nel caso specifico, si tratta di un focolaio importato da giovani al rientro da una vacanza in Grecia”.

“Purtroppo, la loro positività al virus è stata diagnosticata soltanto alcuni giorni dopo il rientro, a seguito del manifestarsi dei primi sintomi. Ciò ha determinato alcuni contagi anche con persone nel frattempo venute a contatto con loro” spiega il primo cittadino .

Nell’impossibilità di diffondere i nomi degli interessati, per motivi di privacy, Malpezzi chiarisce che “i servizi del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’AUSL hanno già attivato le procedure per ricostruire la catena dei contatti a rischio nel frattempo intervenuti” e raccomanda a tutti coloro che per lavoro o per turismo si rechino in zone maggiormente a rischio, “di rispettare scrupolosamente le prescrizioni igienico-sanitarie ben note, anche qualora nel Paese visitato vigessero misure meno restrittive delle nostre. Inoltre, al rientro da Paesi extra Schengen è necessario rispettare le prescrizioni previste dall’Ordinanza regionale, mentre in caso di rientro da Paesi dell’area Schengen, è opportuno comunque sottoporsi volontariamente al test sierologico, limitando i contatti con altri soggetti, in attesa dei relativi riscontri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da armando

    Ma in questi gravi casi, conoscere le persone contagiate, potrebbe evitare altri contagi ?? Non sono un esperto, ma la privacy in questi casi………

  2. Scritto da Francesco

    Spero leggano tanti giovani, raga divertitevi quanto volete, state però in campana perché se voi ve la cavate con poco i vs genitori, nonni e anziani possono lasciarci la pelle anche solo dopo avervi dato un abbraccio e i soldi per fare un altro viaggio o per fare una seratona. Dopo è un rimorso…
    Ve lo scrivo col cuore
    Francesco

  3. Scritto da stanco

    Leggendo i dati del bolletino giornaliero nazionale, da molte settimane i casi gravi o addirittura quelli purtroppo nefasti sono estremamente bassi.

    In questo momento la situazione è migliorata moltissimo, e i nuovi contagi, sempre da questi dati, si evince che si risolvono in grandissima parte senza sintomi o con sintomi lievi.
    La responsabilità individuale è l’arma migliore.

    Vorrei che questa esperienza collettiva lasciasse un segno tangibile già da oggi, vorrei che ci fossero su tutti i mezzi di informazione, GIORNALMENTE, un bolletino per i morti, i feriti gravi permanenti,i feriti,vittime di incidenti stradali, una vera pandemia che tocca tutti noi, e lascia scie di sangue pazzesche ogni giorno, ma che non viene quasi mai ricordata, e che provoca ogni anno migliaia di morti e decine di migliaia di feriti anche gravissimi con danni permanenti per il resto della loro vita.
    La strage sulle strade purtroppo, non si risolve con una semplice mascherina o il distanziamento sociale.
    Anche qui, la responsabilità individuale è l’arma migliore.

  4. Scritto da Antonio

    Non ascoltate chi afferma in alcune tv spazzatura che il virus è sotto controllo, oppure dipende dalla carica virale, questo virus sta semplicemente diffondendosi ancora cercando persone con difese immunitarie indebolite, contagiandole gravemente come sempre ha fatto!
    Auguri