Riciclandino: oltre 117mila kg di rifiuti differenziati conferiti dalle famiglie degli studenti della Bassa Romagna

Giunto alla sua nona edizione, si è concluso anche quest’anno il concorso “Riciclandino”, che promuove l’utilizzo delle stazioni ecologiche da parte di studenti e famiglie.

La classifica è stilata in base ai conferimenti dei propri studenti e delle loro famiglie, grazie a un’apposita tessera. In Bassa Romagna il tema della raccolta differenziata è molto sentito da parte delle scuole, che grazie all’interesse dei dirigenti scolastici hanno inserito Riciclandino nei loro piani formativi. Famiglie e studenti hanno conferito complessivamente alle stazioni ecologiche oltre 117.000 kg di rifiuti differenziati.

Tra le scuole della Bassa Romagna il miglior risultato è stato raggiunto dai piccoli allievi della scuola primaria “Luigi Battaglia” di Fusignano che, grazie al lodevole impegno di bambini e famiglie, si sono aggiudicati 478 euro; al secondo posto la scuola secondaria di primo grado “Francesco Baracca” di Lugo che si aggiudica 459 euro e al terzo posto la scuola secondaria primo grado “Renato Emaldi” di Fusignano con 457 euro.

Le scuole della Bassa Romagna che si aggiudicano l’extra premio di 500 euro per aver raggiunto il miglior risultato di raccolta differenziata pro-capite nella categoria scolastica di appartenenza sono: il nido d’infanzia “Scoiattolo” di Bagnacavallo, la scuola materna vigilata “Villa Savoia” di Bagnacavallo, la scuola primaria “Giovanni Pascoli” di Sant’Agata su Santerno, la scuola secondaria primo grado “Renato Emaldi” di Fusignano.

Se si prendono invece come riferimento tutte le scuole che insistono nel singolo Comune, quelle con il miglior risultato di chili di rifiuti differenziati conferiti in stazione ecologica sono: per Alfonsine, la scuola primaria “Gianni Rodari”; per Bagnacavallo, la scuola materna vigilata “Villa Savoia”; per Bagnara di Romagna, la scuola materna “San Giuseppe”; per Conselice, la scuola primaria dell’istituto “Felice Foresti”; per Cotignola, il nido d’Infanzia “Il Cucciolo”; per Fusignano, la scuola secondaria di primo grado “Renato Emaldi”; per Lugo, la scuola secondaria di primo grado “Francesco Baracca”; per Massa Lombarda, la scuola secondaria di primo grado “Salvo D’Acquisto”; per Sant’Agata sul Santerno, la scuola primaria “Giovanni Pascoli”.

Il progetto – ideato dal Comune di Ravenna e dal Gruppo Hera, in collaborazione con i Comuni dell’Unione della Romagna Faentina e della Bassa Romagna, di Cervia, Russi e di Atersir – ha visto l’adesione di un totale di 266 scuole, per le quali erano in palio oltre 72.686 euro e oltre 3.800 risme di carta.

A causa di alcune difficoltà determinate dalla situazione per l’emergenza Covid e dalla necessità di revisione del regolamento Tari, non sarà possibile avviare “Riciclandino” per i Comuni della Bassa Romagna nell’anno scolastico 2020-2021, ma i Comuni ed Hera invitano le scuole, gli studenti e le famiglie a mantenere le buone abitudini e continuare a utilizzare comunque la tessera della scuola a ogni conferimento in stazione ecologica. Sarà utile non solo per raccogliere i dati, ma anche per valutare se l’attitudine alla raccolta differenziata mediante l’utilizzo della stazione ecologica possa essere considerata una prassi consolidata del territorio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da BARUZZI LUCIANO

    MOLTO BENE I CONCORSI NELLE SCUOLE PRIMARIE PER DIFFONDERE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI NEI GIOVANI MA PENSO SI DEBBA ARRIVARE AD INSERIRE LA RIFIUTOLOGIA NEI PROGRAMMI SCOLASTICI COME SOSTENEVAMO 30-40 ANNI ORSONO SULLA SCORTA DEGLI INSEGNAMENTI DI GIORGIO NEBBIA LEGGENDO IL SUO LIBRO–LA SOCIETà DEI RIFIUTI–DEL 1990-INUTILI MI SEMBRANO LE FOTOTRAPPOLE VICINO AI CASSONETTI USATE IN ALCUNI COMUNI PER SCOPRIRE E PUNIRE I MALEDUCATI MA SERVE–PREVENIRE—STUDIANDO FIN DA GIOVANI COME DETTO NELLE SCUOLE DI OGNI TIPO–GRAZIE LUCIANO BARUZZI GEOGRAFO AMBIENTALISTA IN PENSIONE LUGO RA