Le Rubriche di RavennaNotizie - La posta dei lettori

Odore acre di plastica bruciata in Via le Courbousier. Mi bruciava la gola, ho iniziato a tossire e mi sono sentita male

Ieri, appena rientrata a casa in Via le Courbousier ho avvertito un odore acre di fumo come se stesse bruciando della gomma o della plastica. Ancora una volta si sta verificando la stessa situazione dello scorso anno. L’aria tossica di policiclici aromatici era presente nel parcheggio dietro il palazzo e mi bruciava la gola poi ho iniziato a tossire e mi sono sentita poco bene.

Basta, i prossimi giorni sporgerò querela. Non è la prima volta che succede e con il freddo ricomincia questa grave situazione.
Non so se sono camini che peraltro non si possono più bruciare biomasse nei centri abitati come da normativa regionale o qualche criminale che sta bruciando rifiuti plastica.

La cosa più grave è che non vengono eseguiti i controlli dall’Arpae, ente regionale preposto alla tutela ambientale così come la provincia che ha come attribuzioni la tutela e il controllo dell’ambiente della qualità dell’aria e se è come penso tutte le forze dell’ordine.

Io sporgerò querela i prossimi giorni contro ignoti, sollecitando affinché vengano rispettate le leggi ed eseguiti controlli mirati. La tutela dell’ambiente è un compito fondamentale delle istituzioni, e degli organi di governo, il cittadino non può subire e stare male perché non si controlla.

A Padova ad esempio c’ è un numero per le segnalazioni che fa capo al Comune a fronte di condotte criminose, quale bruciare plastica rifiuti tossici.

Maria Teresa

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Dario

    Gent. Maria Teresa, scusi l’intromissione ma Arpae e chi di competenza non può sondare giorno e notte tutte le aree di Ravenna. Non si può dare la colpa asserendo che vi siano mancati controlli specifici se prima non si ha inviato un esposto o denuncia o segnalazione formale alle autorità competenti. Lei non ha precisato nel testo se ha già provveduto in passato a fare tutto ciò, nel caso non lo avesse fatto lo faccia, altrimenti l’articolo sui giornali conta poco. Buona giornata.

  2. Scritto da Marinella

    Sig.ra Maria Teresa, è sicura che “i camini” delle abitazioni private siano di competenza di Arpae? Ha provato a segnalare la cosa ad Arpae? Se sì, cosa le hanno risposto?

  3. Scritto da Giovanni lo scettico

    Secondo il mio modestissimo parere qui c’è qualcuno che non sa come far sera…

  4. Scritto da Maurizio Ricci

    Quando esce per sporgere querela, si rilegga il nome della via dove abita