Quantcast

A Cervia nuova ordinanza “Plastic Free”: vietato uso di shoppers, contenitori e stoviglie monouso non biodegradabili

Plastic Free, al via una nuova ordinanza per ridurre l’impatto ambientale delle plastiche.

Entra in vigore il divieto di commercializzazione ed uso di shoppers, contenitori e stoviglie monouso non biodegradabili. Cervia guarda alle disposizioni europee con attenzione e decide di essere tra i primi comuni balneari “Plastic Free”. Infatti secondo le norme europee le pubbliche amministrazioni hanno l’obbligo generale di porre in essere ogni azione di prevenzione possibile.

Per questo un’ordinanza che vieti i sacchetti di plastica utilizzati quotidianamente per la spesa non biodegradabili, che hanno gravi conseguenze di impatto ambientale, nocivo sin dalla loro produzione e che aggravano la situazione in fase di smaltimento.

Sappiamo – spiegano dal Comune di Cervia – che oltre a questi, anche i bastoncini cotonati per le orecchie comunemente definiti “cotton fioc”, le cannucce e le palette per il gelato, si trasformano negli oggetti che più invadono i nostri mari e si accumulano sulle spiagge e negli oceani.

Inoltre questi sono poi scambiati per cibo da uccelli, pesci e mammiferi, causandone la morte o l’inclusione di sostanze tossiche nella catena alimentare e che con le loro dimensioni ridotte rendono praticamente impossibile l’ipotesi di recuperarli una volta dispersi sulle spiagge o in mare.

Al contrario l’utilizzo di sacchetti per la spesa biodegradabili permetterebbe di ridurre notevolmente l’impatto ambientale dei sacchetti monouso, infatti si ridurrebbero le emissioni di CO2 (in fase produttiva) e si eliminerebbero i problemi di smaltimento.

Per questo – proseguono dal Comune – si chiede agli esercenti di attività commerciali, artigianali e di somministrazione alimenti e bevande, e di distributori automatici sul territorio comunale di distribuire agli acquirenti esclusivamente posate, piatti, bicchieri, cannucce monouso, bastoncini di palloncini, palette di gelati, caffè, frullati, granite, presidi per l’igiene (cotton fioc) e sacchetti monouso (shoppers) in materiale biodegradabile e compostabile.

Stesse regole – continuano dal Comune – saranno in vigore per commercianti, privati, associazioni e enti in occasione di eventi, feste pubbliche, manifestazioni temporanee, sagre, spettacoli, su tutto il territorio comunale, a decorrere dalla data di efficacia della ordinanza che entrerà in vigore il 15 luglio 2021. Per questo sarà obbligatorio per tutti i cittadini, turisti, visitatori di questo comune di dotarsi ed utilizzare esclusivamente sacchetti monouso in carta o altro materiale biodegradabile o borse riutilizzabili. Una piccola azione che contribuirà a mantenere pulito il nostro mare e intatto il nostro ecosistema, già troppo alterato dalle plastiche.

“La nuova ordinanza “Plastic Free” – dichiara il Sindaco Massimo Medri – è un ulteriore sforzo del nostro territorio per la sostenibilità ambientale e il rispetto degli ecosistemi. La svolta green che da tante parti è auspicata, parte anche da piccole scelte quotidiane che rendono ogni cittadino e fruitore, responsabile di buone pratiche. Per questo come amministrazione comunale abbiamo ritenuto necessario sensibilizzare i nostri concittadini nei confronti della raccolta differenziata, della riduzione della plastica e dell’impatto ambientale. Per lasciare il tempo di smaltire le scorte del materiale già in possesso di ogni operatore, l’ordinanza entrerà in vigore il 15 luglio”.