Quantcast

Ancisi (LpRa): Allevamenti di molluschi nelle foci dei fiumi Lamone e Reno

Alvaro  Ancisi, capogruppo di Lista per Ravenna in consiglio comunale interviene in merito alla segnalazione ricevuta da Massimo Fico, segretario della lista civica e residente a Marina Romea, che aveva lanciato il seguente allarme: “Si è sparsa la voce che la Regione Emilia-Romagna ha autorizzato cooperative comacchiesi a pescare le vongole sui fiumi Lamone e Reno in territorio ravennate. Sono stati visti provare in acqua le cosiddette turbosoffianti che distruggono tutto”.

“Effettuati accertamenti, si ha purtroppo ragione di ritenere che ciò potrebbe corrispondere al vero” spiega Ancivi, dopo aver acquisito dal Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna (BURER) due preavvisi, ad opera dell’Agenzia Regionale per l’Ambiente (ARPAE-SAC) di Ravenna, pubblicati rispettivamente il 16 settembre 2020 e il 25 novembre 2020 (qui allegati come parte integrante), di concessione d’uso per “occupazione spazio acqueo con boe per molluschicoltura” nel Fiume Reno in territorio di Ravenna da parte della cooperativa Simpson di Comacchio e di concessione per “occupazione area per allevamento di molluschi” nel fiume Lamone in territorio di Ravenna, da parte della coop. Reno di Comacchio. “Le suddette aree, poste alle foci dei due fiumi, appartengono al demanio marittimo. Si tratterebbe di allevare vongole” prosegue.

“Tale attività, essendo sottoposta, nei casi di specie, al distanziamento di dieci metri da riva, per rispetto dei capanni da pesca ricreativi esistenti, collocandosi perciò nella zona centrale degli alvei fluviali ad alcuni metri di profondità, necessita di barche di quinta categoria dotate di turbosoffiante (idrorasca), vietato per tali imbarcazioni” sottolinea il capogruppo.

“Non si comprende tuttavia come possa essere tollerata la navigazione nella parte marittima delle suddette aree fluviali essendo anch’essa esplicitamente vietata – prosegue -. Si veda al riguardo la deliberazione della Giunta regionale n. 342 del 31 marzo 2015: “Delimitazione delle zone di navigazione promiscua nella Regione Emilia-Romagna”, nell’art. 2 del cui allegato non sono compresi questi fiumi, essendo invece percorribili da imbarcazioni solo il Po di Volano dalla foce fino a Codigoro e il canale navigabile Migliarino-Porto Garibaldi fino a Comacchio” .

Ancisi chiede dunque alla Capitaneria di Porto “di attivare le proprie competenze sia in funzione preventiva, intervenendo perché sia impedita, per le ragioni esposte, l’attivazione delle suddette concessioni, sia in funzione repressiva nel caso si verifichi (come potrebbe essere già successo o in atto) che imbarcazioni di quinta categoria navighino nelle aree fluviali del demanio marittimo in questione, ancor peggio dotate di idrorasche turbosoffianti, nel qual caso imponendo le sanzioni conseguenti, sequestri dei mezzi compresi”.

Il capogruppo ha presentato l’istanza per conoscenza anche al sindaco di Ravenna, affinché “accerti, tramite anche i propri servizi competenti in materia di tutela dell’Ambiente e di Polizia locale, comportandosi di conseguenza, se le eventuali suddette concessioni di allevamento di molluschi nelle foci dei fiumi Lamone e Reno possano essere viziate in fatto di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), nonché per mancata pubblicazione degli avvisi nell’albo pretorio del Comune di Ravenna, in violazione dell’art. 18 del regolamento applicativo del Codice della Navigazione, fatto proprio per la sua parte dalla Regione Emilia-Romagna”.

L’istanza è stata presentata anche al direttore generale dell’AUSL, affinché accerti se le acque del demanio marittimo in questione sia state classificate idonee alla raccolta dei molluschi.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mattia

    Ma si, che la Regione autorizzi pure qualsiasi scempio pur di tirar su voti. Ma avete presente come sono ridotte la Sacca di Goro e le altre zone di raccolta delle vongole? Andate a dare un’occhiata dalla spiaggia di lidi di Volano se non proprio a fare un giro in barca: è tutto recintato e fitto di pali e paletti, come i lotti degli orti degli anziani, che di fatto impediscono qualsiasi altro uso. Andate a vedere che spettacolo. E tra poco saranno così anche le pialasse che finiranno in mano alla criminalità organizzata.