Quantcast

Bagnacavallo: al via “Differenziati”, progetto dei giovani di Radio Sonora per la pulizia delle aree verdi

Differenziati – Rigenerazione Partecipata è un progetto nato da un’idea di un gruppo di adolescenti bagnacavallesi che da tempo sono speaker di Radio Sonora, la radio web della Bassa Romagna. I ragazzi hanno deciso di impegnarsi per la pulizia delle aree verdi di Bagnacavallo, loro usuale punto di ritrovo, così da renderne più piacevole la fruizione e dare il buon esempio agli altri abitanti.

Il progetto, che prenderà il via venerdì 30 aprile e coinvolgerà diversi parchi cittadini, è in collaborazione con il Comune e con Hera.

«L’iniziativa dei nostri speaker è stata accolta positivamente da tutta la nostra emittente – sottolineano dalla redazione di Radio Sonora – e vorremmo approfittare di questa occasione per lanciare una campagna più ampia, sia di raccolta dei rifiuti che di sensibilizzazione collettiva al rispetto dell’ambiente, portando ogni individuo a impegnarsi per contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti nei luoghi pubblici. Crediamo infatti che l’educazione peer to peer possa essere uno strumento efficace alla diffusione di comportamenti virtuosi, e il fatto che siano gli stessi ragazzi i promotori dell’attività consente di individuarli come figure capaci di influenzare positivamente il comportamento dei loro coetanei e del resto della cittadinanza.»

In accordo con le restrizioni vigenti in materia di contenimento del contagio da Covid-19, i ragazzi si ritroveranno all’aperto, nei parchi cittadini selezionati, accompagnati sempre da un educatore di Radio Sonora e dal camper messo a disposizione dall’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, che sarà utilizzato come punto di riferimento e di raccolta dei rifiuti. Questi verranno differenziati e gettati nel corretto contenitore avvalendosi dell’app Rifiutologo di Hera.

«Il progetto di Radio Sonora è molto importante – osservano le assessore all’Ambiente Caterina Corzani e alle Politiche Giovanili Ada Sangiorgi – perché vede impegnati in prima persona i ragazzi in un’azione di pulizia e protezione delle aree verdi che, oltre a produrre un immediato risultato tangibile, non può che portare a una crescita della coscienza ambientale in tutta la popolazione. Tutto ciò si inserisce perfettamente nelle politiche del nostro Comune, che hanno tra le priorità la tutela dell’ambiente e il protagonismo giovanile.»

(87-21)