Quantcast

Nove cuccioli di gatto abbandonati in uno scatolone. Enpa: “atto vile”

Con le prime cucciolate di gatti torna il fenomeno degli abbandoni. E’ quanto denuncia Enpa Sezione Provinciale di Ravenna.

“Ancora una volta ci siamo trovati, in questi giorni, a dover affrontare il problema di un abbandono quanto mai per noi gravoso. Si tratta di ben nove cuccioli di gatto rinvenuti in uno scatolone nei pressi di una colonia felina zona Via Zalamella, gestita da una nostra gattara. Più precisamente si tratta di: cinque cuccioli di circa due mesi ed i restanti di tenera età, che necessitano d’essere allattati. I cuccioli, specialmente i più piccoli sono affetti da raffreddore e da una brutta congiuntivite, pertanto il loro futuro sarà quanto mai incerto e difficoltoso. Sono stati comunque tutti affidati, dopo un’attenta visita veterinaria, alle premurose cure di una nostra balia”.

“L’avere trovato i felini all’interno di uno scatolone fa ovviamente supporre che la provenienza sia la stessa ovvero che l’autore del misfatto sia il detentore di almeno due gatte non sterilizzate – prosegue l’Enpa -. Abbandonare queste piccole creature ad un destino incerto e pericoloso non solo è un atto vile, ma anche da perfetti imbecilli, infatti non è sensato abbandonare dei cuccioli in tenerissima età senza averli lasciati presso la madre per quel minimo di svezzamento indispensabile per garantire loro la sopravvivenza”.

Di fronte a questi episodi torniamo ancora una volta a raccomandare ai cittadini la sterilizzazione dei propri gatti – sottolineano dall’associazione che da anni provvede alla sterilizzazione ed alla cura dei gatti che vivono in libertà allo scopo di contrastare la piaga del randagismo -. Alcuni irresponsabili non si preoccupano di sterilizzare il gatto di proprietà, caso mai adducendo delle fantasiose motivazioni etiche salvo poi non esitare al loro abbandono allorquando si profila il problema della cucciolata indesiderata”.

“Rivolgiamo pertanto un caloroso appello a quanti posseggono un gatto affinchè non esitino a farlo sterilizzare e questo per contrastare il randagismo felino, ma anche per garantire alla loro bestiola una vita più sana, tranquilla e sicura” concludono.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fra

    Be’ almeno “l’infame” ha avuto la coscienza di non gettarli nel cassonetto!!! La sterilizzazione comunque dovrebbe essere gratuita (presso ambulatori statali!) in modo da non far accadere questi episodi!