Quantcast

Lugo. Asilo Europa, nuovi arredi per l’Outdoor Education

Il Nido Europa di Lugo si è arricchito di nuovi arredi per l’outdoor education grazie allo speciale gesto di un genitore. Fabio Dalla Malva, padre di una bambina che frequenta il nido Europa e restauratore di professione, ha infatti voluto realizzare alcune cucine di fango e delle recinzioni per l’orto dell’asilo, che saranno così utilizzate dalle bambine e dai bambini per le loro attività all’aperto.

Le nuove strutture sono state realizzate con il materiale fornito a Fabio Dalla Malva dal nido insieme alle linee guida appena approvate dalla Giunta dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna sugli allestimenti dei giardini dei servizi educativi. Nelle linee guida, realizzate con la supervisione della professoressa Michela Schenetti del Dipartimento di Scienze dell’Educazione di Bologna, sono specificate le modalità di costruzione di arredi fatti con materiali naturali in sicurezza e in un’ottica di outdoor education.

Al nido Europa sono state inoltre donate alcune piantine dal negozio Agridea.

“È davvero emozionante – commenta l’assessore alla Scuola Luigi Pezzi – assistere a gesti di generosità e sostegno come quello dimostrato da questo papà che si è messo a disposizione per regalare a tutti i bimbi una nuova opportunità per divertirsi e scoprire nuove attività. Una comunità unita e attenta si vede anche da questi piccoli, eppure grandi gesti, che dimostrano nella loro semplicità il legame più che mai saldo tra famiglie e scuola. Grazie davvero a Fabio Dalla Malva e al negozio Agridea per questi regali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Angelo Ravaglia

    Per me si può insegnare l’inglese anche all’asilo; probabilmente è utile per abituare i bimbi alla lingua della globalizzazione che dovranno usare da grandi. Ma usare l’inglese (outdoor education) con termini che hanno un perfetto EQUIVALENTE ITALIANO (educazione all’aperto) mi sembra provinciale. Certo che può far “figo”, almeno a certi livelli, appunto provinciali. E’ un problema di communication…
    Comunque complimenti all’eroico genitore e ad Agridea, anzi… chapeau!