Quantcast

Incendi boschivi, fino al 18 luglio attivo lo stato di grave pericolosità in tutta l’Emilia-Romagna

Più informazioni su

Fino al 18 luglio in tutta l’Emilia-Romagna è attivo lo “stato di grave pericolosità” per il rischio di incendi boschivi. Il provvedimento è stato emanato dall’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, d’intesa con la Direzione regionale dei Vigili del Fuoco e il Comando Regione Carabinieri Forestale.

Viene stabilito il divieto assoluto di accendere fuochi o utilizzare strumenti che producano fiamme, scintille o braci, all’interno delle aree forestali. Sono anche vietati gli abbruciamenti di residui vegetali e delle stoppie.

All’aumento dei divieti corrisponde un inasprimento delle sanzioni. Chi viola le prescrizioni o adotta comportamenti pericolosi può subire sanzioni fino a 10.000 euro. Sotto il profilo penale, è prevista la reclusione da 4 a 10 anni, se l’incendio è doloso (provocato volontariamente); ma anche se l’atto è solo colposo (causato in maniera involontaria), per negligenza, imprudenza o imperizia, si può essere condannati a risarcire i danni.

Lo stato di grave pericolosità potrà essere prorogato se le condizioni climatiche e le previsioni lo richiederanno.

Sul sito web dell’Agenzia https://protezionecivile.regione.emilia-romagna.it/ viene pubblicato un Bollettino di informazione ai cittadini, secondo la logica del Codice Colore, indicata dal Dipartimento nazionale della protezione civile e fino alle 24.00 di domenica 18 luglio, per tutta l’Emilia-Romagna sarà valido il Bollettino 13/2021, corrispondente allo scenario di rischio alto e al colore Arancione.

Dal 1^ luglio, presso la sede dell’Agenzia a Bologna, tutti i giorni, compresi i festivi, dalle 8 alle 20, è attiva la Sala operativa unificata permanente dove operano funzionari delle Prefetture, dei Comuni e delle sedi territoriali dell’Agenzia.

In orario notturno il servizio di reperibilità sulle 24 ore viene garantito dalle sale operative dei Comandi provinciali dei Vigili del Fuoco. Squadre dei Vigili del Fuoco e del volontariato di protezione civile sono impegnate in attività di avvistamento, prevenzione e spegnimento incendi, e scambiano informazioni con le pattuglie dei Carabinieri forestali per la prevenzione e repressione delle violazioni.

Il provvedimento del direttore dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile è pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione n.202 del 2 luglio 2021.

Numeri utili:
115 – numero di soccorso del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco
1515 numero dell’Arma dei Carabinieri-specialità Forestale per segnalare illeciti e comportamenti a rischio di incendio boschivo.

Più informazioni su