Quantcast

Ospedale di Faenza. Isacco Montroni nominato Responsabile dell’U.O Chirurgia Generale

Il dottor Isacco Montroni, a partire dal 1° agosto ricoprirà l’incarico di responsabile pro tempore della U.O. Chirurgia generale dell’ospedale di Faenza. Con questa nuova attribuzione, si consolida l’importante lavoro ed attività della equipe  chirurgica dell’ospedale manfredo, nella quale il dott. Montroni ricopriva già l’incarico della struttura semplice della “ chirurgia colo rettale”.

Giovane chirurgo quarantenne, esperto nella disciplina della chirurgia generale e d’urgenza e in particolare nell’ambito della chirurgia colorettale, è  Clinical Coordinator del Centro per le cure personalizzate del paziente Oncogeriatrico dei Presidi Ospedalieri di Ravenna e Faenza; è Responsabile della struttura semplice “Chirurgia Colorettale Faenza” e ha maturato esperienza di natura gestionale anche come sostituto individuato dal Direttore di unità operativa, Prof. Ugolini, con il quale svolge una continuativa attività di ricerca scientifica.

Dottore di Ricerca in Scienze Chirurgiche, presenta un alto profilo formativo e di diffusione scientifica, anche grazie a varie esperienze formative e professionali in cliniche specializzate statunitensi.

Ha sviluppato  piena competenza nell’attività operatoria in particolare relativamente alla chirurgia colorettale oncologica mininvasiva avanzata, anche superspecialistica in chirurgia pelvica maligna (taTME, TAMIS), chirurgia delle malattie infiammatorie croniche intestinali e delle diverticoliti, chirurgia addominale e chirurgia d’urgenza per quanto riguarda la chirurgia intestinale, di parete e della colecisti in particolare per via mininvasiva.

Dopo la nota diffusa dall’Ausl che annuncia la nomina del dottore Isacco Montroni a responsabile facente funzioni del reparto di chirurgia dell’ospedale Degli Infermi si inviano i commenti del sindaco Massimo Isola e della consigliera regionale Manuela Rontini.

“C’è grande soddisfazione -sottolinea il sindaco Isola- per la nomina del nuovo primario facente funzioni, il dottore Isacco Montroni. Il nostro ringraziamento va all’Asl Romagna per questa nuova casella che si riempie e che arriva dopo mesi di lavoro e confronto per fare in modo che la chirurgia faentina, dopo aver centrato ottimi obbiettivi, potesse crescere sul solco tracciato in questi anni. Un grazie di cuore da parte di tutta la città deve andare al dottore Giampaolo Ugolini che ha trasformato la nostra chirurgia in una delle eccellenze a livello nazionale. La nomina del dottore Montroni prosegue quel lavoro fatto in precedenza, portando in sé quella novità generazionale indispensabile per un percorso di crescita. Auguro buon lavoro a Isacco Montroni, un professionista di primissimo livello che il nostro presidio ospedaliero conosce bene, convinto che con il suo lavoro, e quello dell’intero reparto, riusciremo a mettere a valore e centrare le sfide del futuro. Ancora una volta ci troviamo di fronte a fatti concreti che ci dicono quanto il nostro presidio ospedaliero sia in costante crescita e centri nuovi obbiettivi di sviluppo. Non ci fermiamo qui. Con l’Ausl stiamo andando avanti per sviluppare e rinnovare, pezzo dopo pezzo, il nostro sistema ospedaliero. Infatti, dopo anni difficili, ora c’è una chiara direzione di marcia che stiamo seguendo mese dopo mese. Adesso pensiamo alle nuove nomine di primari che arriveranno nei prossimi mesi”.

“La nomina a responsabile dell’unità operativa di Chirurgia generale dell’ospedale di Faenza del dottor Isacco Montroni -dice invece la consigliera regionale Manuela Rontini- è una bellissima notizia, che va nella direzione che, assieme al sindaco Isola, avevamo auspicato. Qualità umane e professionali che siamo onorati e contenti di poter aver a disposizione nella struttura ospedaliera della nostra città. Un riconoscimento che consolida il modus operandi che il dottor Montroni e l’equipe del professor Ugolini hanno messo in atto in questi anni, facendo diventare il nostro ospedale distrettuale un importante punto di riferimento per tutta l’Ausl della Romagna”.