Quantcast

Salute cardiovascolare: Maria Cecilia Hospital porta prevenzione vicino alle persone, consulti gratuiti su Mobile Clinic all’Esp

In occasione del World Heart Day, che si celebra il 29 settembre, Maria Cecilia Hospital di Cotignola, Ospedale di Alta Specialità accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale che fa parte di GVM Care & Research, si mobilita con l’iniziativa “Le Strade del Cuore”, volta a sensibilizzare i cittadini sui rischi delle malattie cardiovascolari, sulle buone pratiche di prevenzione e sull’importanza di effettuare check up periodici.

Mercoledì 29 e giovedì 30 settembre dalle ore 10.00 alle 18.00, al Centro Commerciale ESP – Piazzale Ovest (via M. Bussato, 74 a Ravenna), l’Advanced Mobile Clinic di GVM Care & Research e i medici di Maria Cecilia Hospital saranno a disposizione dei cittadini per effettuare consulti gratuiti per valutare la salute del cuore. All’interno degli ambulatori della clinica mobile verranno eseguiti: la rilevazione della pressione arteriosa, la misurazione del peso e del girovita, la valutazione del profilo lipidico, la misurazione della glicemia e il controllo del ritmo cardiaco. Al termine del percorso, il consulto conclusivo con il medico. L’iniziativa è patrocinata dal Comune di Ravenna e dalla Fondazione Italiana per il Cuore.

Le malattie cardiovascolari rappresentano ancora oggi la principale causa di morte nel nostro Paese, pari al 35,8% di tutti i decessi, con una maggiore incidenza tra la popolazione femminile: 38,8% donne rispetto al 32,5% nei maschi (fonte Documento Scientifico “Prevenzione Italia 2021” – SIPREC). In un quadro già complesso, la pandemia da Covid-19 ha prodotto un sensibile aumento della mortalità per queste patologie.

Strade_Cuore

“La crescita dei numeri relativi alle patologie cardiovascolari può essere invertita grazie a campagne di sensibilizzazione e prevenzione proprio come questa – spiega il dott. Andrea Fisicaro, Cardiologo a Maria Cecilia Hospital –. In alcuni casi le patologie cardiovascolari sono asintomatiche o presentano sintomi lievi, facilmente equivocabili con un periodo di affaticamento o stress, quindi è importante portare le persone a sottoporsi a screening periodici. Individuando precocemente i fattori di rischio cardiovascolare e correggendo di conseguenza il proprio stile di vita è possibile diminuire la possibilità di incorrere in eventi acuti o patologie croniche”.

In questa ottica, anche la ricerca scientifica risulta fondamentale per invertire la tendenza e contrastare la mortalità per malattie cardiovascolari.

“Maria Cecilia Hospital ha, in questi anni, sviluppato ricerche non solo cliniche ma anche di base, con un approccio di ricerca “traslazionale”, cioè con l’obiettivo di facilitare l’applicazione dei risultati della ricerca di base a livello del paziente stesso nel più breve tempo possibile – commenta la prof.ssa Elena Tremoli, Direttore scientifico e Direttore del Laboratorio Sperimentale di Maria Cecilia Hospital -. Più in generale, le nostre ricerche in ambito cardiovascolare affrontano ampie tematiche che vanno dalla prevenzione, migliorandone i percorsi, alla diagnosi e al trattamento stesso di queste malattie. Questo percorso non solo è fondamentale per l’identificazione di nuove cure ma, attraverso l’interazione continua tra l’ospedale e il territorio, è fondamentale anche per salvaguardare la salute del cittadino stesso e disegnare una medicina sempre più personalizzata”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da c.

    Per la Redazione: qualcosa non quadra, stessa foto, titolo dell’articolo “quasi” uguale, questo ha come inizio Cotignola, l’altro come finale l’Esp.
    Però aprendo l’articolo, il titolo e l’articolo stesso sono uguali e cioè si riferiscono all’Esp.