Quantcast

Coronavirus a Ravenna: la nostra Provincia è maglia nera in Regione con 81 nuovi casi di cui 45 sintomatici

LA SITUAZIONE A RAVENNA OGGI 13 OTTOBRE

Per il territorio provinciale di Ravenna oggi si sono registrati 81 casi: si tratta di 29 pazienti di sesso maschile e 52 pazienti di sesso femminile; 36 asintomatici e 45 sintomatici; 80 in isolamento domiciliare e 1 ricovero. Nel dettaglio: 68 per contact tracing; 9 per sintomi; 4 test privati. I tamponi eseguiti sono stati 1.857. Oggi la Regione non ha comunicato nessun decesso; sono state comunicate 28 guarigioni. I casi complessivamente diagnosticati da inizio contagio nel ravennate sono 34.012

Rispetto alla distribuzione sul territorio, si riportano di seguito le residenze dei casi emersi oggi

  • 1   fuori provincia
  • 2   Alfonsine
  • 21 Bagnacavallo
  • 7   Castel Bolognese
  • 4   Cervia
  • 24 Faenza
  • 4   Fusignano
  • 2   Lugo
  • 13 Ravenna
  • 1   Riolo Terme
  • 1   Russi
  • 1   Solarolo

LA SITUAZIONE IN REGIONE OGGI 13 OTTOBRE

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 426.994 casi di positività223 in più rispetto a ieri, su un totale di 19.142 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è dello 1,2%.

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, estesa a tutti i cittadini sopra i 12 anni di età. Il conteggio progressivo delle somministrazioni di vaccino effettuate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all’argomento: https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid, che indica anche quanti sono i cicli vaccinali completati. Tutte le informazioni sulla campagna: https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it/. Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 6.629.645 dosi; sul totale sono 3.374.668 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 92 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 105 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 173 sono stati individuati all’interno di focolai già noti. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 46,9 anni.

Sui 92 asintomatici, 58 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 22 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 3 tramite gli screening pre-ricovero e 2 con i test sierologici. Per 7 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province vede Ravenna con 81 nuovi casi, seguita da Bologna (29); poi Reggio Emilia (22), Rimini (17), Modena (14) e Piacenza (13); quindi Parma, Ferrara e Cesena (12 casi ciascuna), Forlì (9) e, infine, il Circondario Imolese con 2 casi.

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali – relativi all’andamento dell’epidemia in regione. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 10.180 tamponi molecolari, per un totale di 5.964.979. A questi si aggiungono anche 8.962 tamponi rapidi.

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 249 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 398.454. I casi attivi, cioè i malati effettivioggi sono 15.019 (-31). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 14.659 (-11 rispetto a ieri), il 97,6% del totale dei casi attivi.

Purtroppo, si registrano cinque decessi: una donna di Piacenza di 82 anni, due uomini di 69 e 94 anni di Parma, una donna di 59 anni di Reggio Emilia e un uomo di 66 anni di Bologna. In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione sono stati 13.521. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 40 (-2 rispetto a ieri), 320 quelli negli altri reparti Covid (-18).

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 4 a Piacenza (numero invariato rispetto a ieri); 1 a Parma (-1); 2 a Modena (invariato); 16 a Bologna (invariato); 2 a Imola (invariato); 3 a Ferrara (invariato); 4 a Ravenna (invariato); 3 a Forlì (invariato); 2 a Cesena (invariato), 3 a Rimini (invariato). Non risultano ricoveri in terapia intensiva in provincia di Reggio Emilia (ieri era 1).

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi:

  • 26.406 a Piacenza (+13 rispetto a ieri, di cui 6 sintomatici),
  • 32.744 a Parma (+12, di cui 4 sintomatici),
  • 51.276 a Reggio Emilia (+22, di cui 15 sintomatici),
  • 72.123 a Modena (+14, di cui 7 sintomatici),
  • 89.502 a Bologna (+29, di cui 17 sintomatici),
  • 13.567 casi a Imola (+2, tutti sintomatici),
  • 25.725 a Ferrara (+12, di cui 11 sintomatici ),
  • 34.012 a Ravenna (+81, di cui 45 sintomatici),
  • 18.735 a Forlì (+9, di cui 7 sintomatici)
  • 21.497 a Cesena (+12, di cui 7 sintomatici)
  • 41.407 a Rimini (+17, di cui 10 sintomatici)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Emilia

    Faenza è la maglia nera della provincia di Ravenna!! Sarebbe ora che il sindaco spiegasse ai cittadini come si fa ad avere tanti casi in città!

  2. Scritto da un cittadino

    basta che legga altre informazioni sanitarie recenti e scoprirà che ci sono 2 focolai in case protette e 1 in una struttura ospedaliera. penso che queste informazioni si possano anche dare….le persone intelligenti non si stupiscono perché sanno che i vaccini sono utili ma non coprono tutti e in eterno….e che non fare tamponi periodi alle persone più fragili anche fuori da ospedali e rsa non paga in fatto di prevenzione e riduzione dei contagi….il controllo va fatto su più fronti e i vaccini dovrebbero andare di pari passo coi tamponi periodici