Quantcast

Il Comune di Faenza entra nella gestione dell’Ente Parco Vena del Gesso

Più informazioni su

Nel Consiglio comunale di domani, giovedì 21, verrà votata la richiesta di ‘Adesione del Comune di Faenza all’ente Parco Vena del Gesso’. L’argomento è stato presentato nel corso della conferenza stampa di questa mattina a Palazzo Manfredi alla quale hanno partecipato il sindaco di Faenza, Massimo Isola, l’assessora al Turismo e Marketing, Rossella Fabbri, l’assessore all’ambiente, Luca Ortolani e il presidente dell’Ente Parco, Antonio Venturi.

“Si tratta -ha sottolineato il sindaco Isola- di un passaggio storico perché l’ingresso di Faenza e di Imola porterà il Parco della Vena del gesso ad aumentare il proprio peso specifico, una maggiore autorevolezza sul palcoscenico regionale e nazionale, portando in dote elementi e luoghi importanti che potranno aumentare le potenzialità di crescita economica, culturale e turistica”.

“Con l’ingresso di Faenza nel Parco -ha invece detto l’assessore all’ambiente Luca Ortolani- non vogliamo estendere i confini degli ambiti protetti ma allargare al nostro territorio la valorizzazione dell’ambiente e delle biodiversità. Quando si parla di identità, emerge quale elemento comune tra i territori di molti comuni delle nostre zone, proprio il Parco della Vena del gesso. Questo vuol dire che l’Appennino, anche per noi che siamo in pianura, è un tratto identitario che rappresenta le nostre radici, etnografiche e di storia comune. Tra le iniziative già in programma, a novembre presenteremo la ‘Guida dei geositi’, sulla scorta di quanto già fatto già a Imola, dove verranno illustrati due luoghi importanti, i paleo alvei del Torrente Senio e le antiche cave di sabbie gialle di Oriolo dei Fichi, siti di grande valore ambientalistico”.

Di valorizzazione turistica attraverso i temi della sostenibilità ambientale, ha invece parlato l’assessora Rossella Fabbri.  “Vorremmo -ha infatti detto Fabbri- che la sostenibilità diventasse elemento chiave della identità, anche turistica, del nostro territorio. In quest’ambito è fondamentale il binomio ‘turismo e ambiente’. Faenza sotto questo aspetto diventa elemento strategico per la presenza di colline e calanchi, un territorio inconsueto che può diventare di grande attrattività per i turisti che sempre più spessi si muovono proprio alla scoperta di territori e panorami inconsueti. La partecipazione di Faenza nella gestione dell’Ente Parco diventa quindi strategica con diversi elementi di grande interesse e con grandi potenzialità turistica”.

A chiudere la conferenza è stato Antonio Venturi, presidente dell’ente che gestisce il Parco della Vena del gesso che ha sottolineato quanto l’ingresso nell’Ente di Faenza e Imola venga da lontano. “Faenza -ha detto Venturi- è alle pendici del parco, inimmaginabile quindi che ne restasse fuori. La mission è di creare una realtà con al proprio interno elementi collegati tra loro che possano attirare turisti alla ricerca di siti ambientalisti e sostenibili. Proprio sui questo fronte, esiste un flusso di visitatori provenienti dai paesi del nord Europa che apprezzano queste attrazioni”.

Più informazioni su