Quantcast

Ravenna. Unità Operativa di Otorino secondo centro in Romagna per l’applicazione di impianti cocleari contro la sordità

A pari merito il centro di Rimini

Dal mese di dicembre, anche nell’unità operativa Otorinolaringoiatra dell’ospedale di Ravenna sarà possibile l’applicazione di impianti cocleari contro la sordità. Ravenna è divenuta infatti il secondo centro di riferimento in Romagna, insieme a Rimini ad eseguire queste procedure.

Come spiega il dottor Andrea De Vito, Direttore dell’Unità Operativa Orl dell’ospedale di Ravenna, “l’impianto cocleare nell’adulto consente di recuperare una sordità profonda, nella quale le protesi convenzionali non possono più recuperare la disabilità. Questa ulteriore applicazione , va a completare il quadro delle opzioni chirurgiche tradizionali  che stiamo già eseguendo a Ravenna, per il recupero della sordità”.

La “Chirurgia della Sordità” è stata oggetto di un congresso, organizzato dal dott. De Vito che si è svolto recentemente a Ravenna, nel quale si è fatto il punto su tutte le opzioni chirurgiche adottate oggi per correggere questa patologia, correlata come fattore di rischio per il decadimento intellettivo. “ La disabilità uditiva prosegue il dott. Andrea De Vito, colpisce tutte le età e sta aumentando, in considerazione dell’innalzamento dell’età media in Italia e in Europa. Durante il Congresso, particolare attenzione è stata posta sulle indicazioni e sugli interventi di applicazione dell’impianto cocleare, con il quale si va a sostituire completamente l’orecchio interno. Da quest’anno,  anche a Ravenna, potremo applicare  questo impianto sul paziente adulto, insieme alle altre tecniche chirurgiche, compresa la protesi osteointegrata”.