Ravenna. Nidi e scuole dell’infanzia comunali: alcune sezioni costrette a chiusura pomeridiana per diffondersi contagi

Più informazioni su

Il Comune di Ravenna comunica che a causa dei numerosi contagi legati alla pandemia da Covid-19, che sta provocando notevoli assenze del personale scolastico, è stato necessario disporre la chiusura pomeridiana di alcune sezioni di nido e scuole dell’infanzia, al fine di garantire le idonee condizioni di sicurezza nel contesto scolastico, a seguito delle difficoltà emerse nelle sostituzioni. Tale organizzazione è al momento prevista da domani martedì 11 fino a venerdì 14 gennaio, salvo ulteriori modifiche legate all’evoluzione del contesto pandemico.

Le sezioni che funzioneranno solo al mattino sono le seguenti:

  • Scuola dell’infanzia Mani fiorite 1^ e 3^ sezione;
  • Garibaldi 2^ sezione;
  • Il Gabbiano 3^ e 5^ sezione (sezione in quarantena per contatto scolastico);
  • Le Ali 1^ e 2^ sezione;
  • Mario Pasi 1^ sezione;
  • Peter Pan 3^ e 6^ sezione;
  • Polo Lama sud 1^, 2^ (sezione in quarantena per contatto scolastico) e 3^ sezione;
  • Nido Lovatelli: sezione lattanti.

Si tratta in totale di 13 sezioni di scuola dell’infanzia e di una sezione di Nido. I genitori vengono informati tramite il personale insegnante attraverso le chat di sezione, su cui vengono indicati anche gli orari differenziati degli anticipi degli ingressi (dalle 7.30, 7,45, 8,00) e quindi delle chiusure, dalle 13.30 alle 14 (dalle 13 per la sezione di nido).

Al momento risultano assenti 56 insegnanti, di cui 3 sono state sospese per non aver assolto all’obbligo vaccinale. Due sezioni sono chiuse per quarantena scolastica, a seguito di positività da Covid-19 riscontrate fra minori che erano presenti il 7 gennaio 2022.

La maggior parte delle assenze è dovuta pertanto a situazioni di contagio avvenute in ambito familiare.

Si ricorda che la circolare del Ministero della salute n. 60136 del 30/12/2021 dispone che contatti stretti con familiari positivi impongono la quarantena di 10 giorni per chi non è vaccinato; pertanto i bambini che frequentano i nidi e le scuole dell’infanzia e che fino a 5 anni non possono essere vaccinati, devono essere tenuti a casa per 10 giorni.

Si richiama l’importanza di non mandare al nido o alla scuola dell’infanzia bambini con sintomi respiratori o temperatura superiore ai 37,5 gradi, come previsto e rinforzato in condizione di pandemia, dai vigenti criteri igienico-sanitari.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ed

    “La maggior parte delle assenze è dovuta pertanto a situazioni di contagio avvenute in ambito familiare”…

    Quindi durante le vacanze si può fare ciò che si vuole con l’alto rischio di contagiarsi, per poi dover chiudere le scuole per limitare la contagiosità.

    Io vado ai matti…davvero