Quantcast

Ravenna, Ibis sacro sempre più presente sul territorio: la parola all’esperto

Un tempo considerato quasi attrazione turistica o uccello assai raro nel ravennate, l’Ibis sacro è progressivamente diventato una presenza fissa nel territorio a ridosso del mare, scatenando le più disparate teorie in merito al suo insediamento nelle colonie locali. In particolare sui canali social, come molto spesso accade, un quantitativo di informazioni completamente prive di alcun fondamento vengono pubblicate da utenti con pochi scrupoli, finendo con l’essere seguite da fior di utenti non ferrati in materia generando così ulteriore confusione. Roberto Tinarelli, presidente AsOER – Associazione Ornitologi dell’Emilia-Romagna ODV, ci spiega come e perché l’Ibis sacro è diventato invece presenza costante nel ravennate, aggiornandoci anche su come viene gestita la specie a livello nazionale.

Innanzitutto, che tipo di uccello è l’Ibis sacro?

“L’Ibis sacro, il cui nome scientifico è Threskiornis aethiopicus, appartiene all’ordine dei Pelecaniformes, alla famiglia Threskiornithidae e al genere Threskiornis. Parliamo di un uccello inconfondibile per il colore bianco di corpo e delle ali contrastante con il nero della testa, del collo (entrambi glabri), delle zampe e della punta delle remiganti. Deve il suo nome italiano al fatto di essere venerato dagli antichi egizi dai quali era considerato la rappresentazione terrena del Dio Thot. Attualmente è però estinto in Egitto ma ampiamente diffuso nell’Africa sub-sahariana e in Iraq sud-orientale. Predilige le zone umide d’acqua dolce con ampie distese di fango ma frequenta un’ampia varietà di ambienti: pascoli, risaie, campi coltivati, lagune costiere, discariche. Si alimenta di insetti, pesci, anfibi, crostacei e molluschi anche se non disdegna semi, piccoli mammiferi, uova, lucertole e persino carogne. L’Ibis sacro è una specie molto adattabile e piuttosto confidente nei confronti dell’uomo. Tende ad essere gregario”.

Ibis Sacro_1

Dove ha origine e per quale motivo è migrato sempre più nel ravennate?

“La presenza della specie in Italia non è dovuta ad immigrazioni dall’Africa ma ad introduzioni accidentali o volontarie da giardini zoologici e collezioni di uccelli acquatici. Gli uccelli fuggiti hanno creato nuclei riproduttivi che si sono successivamente espansi. Si tratta quindi di una specie esotica naturalizzata cioè di una specie introdotta in tempi recenti e presente allo stato selvatico con popolazioni in grado di autosostenersi e di diffondersi spontaneamente. Secondo alcuni ornitologi la popolazione presente in Italia sarebbe stata originata da individui provenienti dalla Francia dove erano fuggiti da giardini zoologici negli anni ’80 del secolo scorso, riproducendosi e dando origine a popolazioni stabili ma vi sono anche indicazioni di introduzioni avvenute da parchi faunistici e allevamenti privati nell’Italia settentrionale. In Emilia-Romagna le prime segnalazioni della specie risalgono al 1998 e per la provincia di Ravenna al 2000”.

Che impatto ha avuto sull’ambiente la presenza degli Ibis sacri?

“L’introduzione da parte dell’uomo di questa specie esotica ha purtroppo creato impatti notevoli sulla biodiversità delle aree invase. In Francia, dove la popolazione è molto numerosa, sono stati rilevati casi di predazione di nidi di altri uccelli che si riproducono a terra nelle zone umide: sterne, beccapesci, mignattini, cavalieri d’Italia, pavoncelle e germani reali. Inoltre l’Ibis sacro è risultato un competitore vincente rispetto a garzette e aironi guardabuoi per la conquista dei siti di nidificazione. In Francia, per contenere l’espansione della specie hanno deciso di interdire l’accesso alle discariche agli ibis grazie a specifiche coperture. In Spagna e in Francia hanno attuato piani di eradicazione della specie”.

Ibis_Sacro_2

Esiste un piano di controllo e gestione nazionale?

“Anche l’Italia, in attuazione del Regolamento europeo 1143 del 2014 sulle specie invasive, ha cominciato a lavorare ad un piano di controllo della specie attraverso ISPRA e le regioni interessate dalla presenza della specie”.

L’Ibis sacro è una specie che i cacciatori possono abbattere?

“La specie per il momento è protetta. Occorre attendere le indicazioni del Piano di controllo”.