Quantcast

A Cervia sventola la 27ª  Bandiera Blu

Più informazioni su

Questa mattina Cervia ha conseguito la Bandiera Blu 2022. È la ventisettesima Bandiera Blu per la città, che dal 1999 conquista il prestigioso riconoscimento per il ventiquattresimo anno consecutivo. Le altre tre bandiere blu Cervia le ha conseguite nel 1991, nel 1996 e nel 1997.

La cerimonia di assegnazione si è svolta in videoconferenza in diretta facebook. Il premio è stato istituito nel 1987 è alla sua 35^ edizione.

L’assegnazione della Bandiera Blu avviene dopo una rigorosa e accurata selezione, attraverso l’esame comparato dei dati acquisiti ed elaborati direttamente dalla Fee-Italia relativi a qualità delle acque, qualità della costa, qualità dei servizi e misure di sicurezza, educazione ambientale.

Quest’anno sono 210 i Comuni italiani che hanno conseguito la bandiera, per complessive 427 spiagge; l’Emilia Romagna ottiene 2 vessilli in più rispetto agli anni precedenti per un totale di  9  località: Cattolica, Cervia, Cesenatico, Comacchio, Bellaria-Igea Marina, Misano Adriatico, Ravenna, a cui si aggiungono le nuove Riccione e San Mauro Pascoli.

La Bandiera Blu 2022 ancora una volta premia la città di Cervia-Milano Marittima-Pinarella-Tagliata, località  ai vertici del panorama nazionale, per la capacità di coniugare qualità ambientale e sviluppo del territorio,  per l’impegno nella salvaguardia e la tutela dell’ambiente e della natura, nonché per l’innalzamento della qualità dei servizi delle strutture turistiche.

Infatti tra i criteri di giudizio per l’assegnazione della Bandiera Blu sono prioritari: la qualità delle acque di balneazione, l’informazione e l’educazione ambientale, la gestione ambientale, i servizi e la sicurezza. Tra gli indicatori figurano impianti di depurazione funzionanti; gestione dei rifiuti con particolare riguardo alla riduzione della produzione, alla raccolta differenziata e alla gestione dei rifiuti pericolosi; la cura dell’arredo urbano e delle spiagge; la possibilità di accesso al mare per tutti i fruitori senza limitazioni.

Il Sindaco di Cervia Massimo Medri ha dichiarato:  “La Bandiera Blu è un riconoscimento di cui la città deve essere fiera. Cervia ancora una volta è stata premiata per la gestione del patrimonio ambientale, punto di forza della nostra località e della nostra offerta turistica. Bandiera Blu è la conferma di un buon lavoro svolto, realizzato congiuntamente tra pubblico e privato, e di un impegno costante per mantenere alti criteri di qualità, in termini di gestione e rigenerazione ambientale, di servizi offerti e di sicurezza del territorio. Questo sforzo comune ha portato a un continuo incremento qualitativo delle condizioni ambientali e ad un costante rispetto ecologico, dalla raccolta differenziata dei rifiuti al risparmio idrico ed energetico, fino alla riduzione dell’impatto ambientale dalle plastiche; Cervia, infatti, già dallo scorso anno è risultata tra i primi comuni balneari “Plastic Free”, aderendo alle disposizioni Europee sulla riduzione dei prodotti di plastica nell’ambiente”.

Il Presidente della Cooperativa bagnini di Cervia Fabio Ceccaroni ha aggiunto: “La Bandiera blu è uno dei tanti risultati che dimostrano come gli operatori della spiaggia e l’Amministrazione Pubblica di Cervia sono stati in grado di lavorare in questi anni, portando la località in cima a una classifica che misura la qualità dell’offerta turistica. La Cooperativa bagnini è da sempre impegnata nelle politiche ambientaliste e questo riconoscimento ci sprona a essere ancora più efficienti e attenti. Le spiagge di Cervia sono complesse da governare, ma questi risultati ci suggeriscono la strada da intraprendere per il futuro. Non rinunceremo mai agli standard e ai requisiti richiesti dalla Bandiera Blu e che sono legati alla qualità ambientale e ai requisiti di eco-sostenibilità del nostro tratto di costa e quindi al benessere, al relax, alla sicurezza di un turismo formato prevalentemente da famiglie. Il nostro impegno è quindi quello di collaborare e lavorare, insieme al pubblico, per migliorare fattori come: il potenziamento della raccolta differenziata, l’allargamento delle aree verdi in spiaggia, il rinnovamento delle aree pedonali e delle piste ciclabili, il miglioramento della qualità delle acque di balneazione, oltre ai servizi che garantiscono la sicurezza sulle nostre spiagge”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.