Quantcast

Grave avvelenamento di api nella zona sud di Ravenna. Belletti (Villaggio del Fanciullo): “Non sembra un caso isolato”

Nel giorni scorsi Paolo Belletti, presidente della Cooperativa Villaggio del Fanciullo, ha inviato all’AUSL Servizio Veterinario e alla ARA Associazione apicultori una segnalazione, corredata da foto, relativa ad un avvelenamento grave di api che si è registrata il 14 maggio nella zona a sud di Ravenna, nelle località Ponte Nuovo e Madonna dell’Albero.

La Cooperativa Sociale Villaggio del Fanciullo ha le proprie arnie in via 56 Martiri a Ponte Nuovo e, preoccupato dall’accaduto, Belletti – scorrendo i social degli apicultori – ha avuto “la sensazione che tali episodi si siano riscontrati anche in altre aree”.

E aggiunge: “Riteniamo che l’avvelenamento sia stato causato da trattamenti a piante e culture, che particolarmente in questo periodo dell’anno sono causa ripetuta di moria delle api. Inutile affermare che l’accaduto, al di là del danno che provoca agli apicultori colpiti, è il frutto di comportamenti assolutamente irresponsabili che provocano danni irreparabili al nostro ambiente”.

“Spero che possano essere adottati provvedimenti di repressione di tali fenomeni o perlomeno di sensibilizzazioni degli operatori agricoli e delle loro Associazioni, per richiamare tutti ad un maggiore senso di responsabilità e di rispetto della natura” conclude.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da susy

    se i contadini usano i pesticidi che causano la morte delle api li comprano da qualcuno. Se si vietasse la vendita di questi trattamenti si eliminerebbe il problema alla fonte

  2. Scritto da Gennaro

    Si,una bella multa di 100 euro,ma andate a fare.Voi e il vostro sindaco de Pasquale.La città con questo modo irresponsabile , sta’ andando sempre più verso la grande città,ricca e industriale,sempre come unico scopo,i soldi,solo e solo i soldi.Piantano qualche albero per fare gli ecologisti e poi cementificano e saturano la città con fabbriche e centri commerciali che produrranno solo più rifiuti usa e getta.che schifo.che schifo di gestione.