Mostre. A Palazzo Rasponi inaugura Oltre a noi: 100 opere di bambini e ragazzi ispirati a Iris Grace

Più informazioni su

Inaugura sabato 8 giugno alle 11 al Palazzo Rasponi dalle Teste di Ravenna in piazza Kennedy la mostra “Oltre a noi”, promossa da Arci da un’idea di Alessandra Serafini. Il lavoro che ha condotto alla realizzazione della mostra è partito da un progetto iniziato a novembre 2018 e ispirato dalla storia di Iris Grace, bambina inglese con disturbo autistico.

Alessandra Serafini ha sviluppato dodici laboratori di pittura insieme a un gruppo di bambini e bambine in età scolare e dell’infanzia: i giovanissimi autori hanno dipinto le loro opere traendo ispirazione dal racconto di questa storia, dalle tele dipinte dalla stessa Iris e da altri racconti di vita legati a temi d’integrazione.

«Abbiamo disperato bisogno – dice Luciana Castellina, presidente onoraria di Arci – di iniziative come questa messa in atto da Alessandra: per estrarre da ogni bambino, fin quando siamo in tempo, l’energia, la fantasia, la voglia di ricostruire l’essere umano sociale, per salvare quanto si è costruito in secoli e secoli e ora rischiamo di smarrire».

Dall’8 al 30 giugno Palazzo Rasponi ospiterà dunque la mostra delle 100 opere, più le tre tele di gruppo realizzate in alcuni laboratori: “Cinema a colori” (tela elaborata da Alessandra insieme ai suoi figli) e l’opera “Arcobaleno nello spazio”, realizzata dalla 2ª B della scuola “G. Pascoli”, con ispirazione a Iris e al libro di testo “Ti regalo la Luna”, in occasione del cinquantesimo anniversario dello sbarco. Contestualmente, il Palazzo ospiterà un’altra esposizione promossa da Arci, Diamanti Nascosti, dedicata a Fabrizio De André.

Tutto nasce da un ascolto alla radio, il racconto di Arabella, madre di Iris, della gatta Thula e di tele straordinarie dipinte a soli quattro anni, passando attraverso la descrizione di una vita segnata dallo spettro autistico, ma anche da una storia di rinascita.

«La mia idea – ricorda Alessandra – dopo aver conosciuto la storia di Iris attraverso questo fugace racconto alla radio, si sviluppa leggendo il libro scritto da sua madre, Arabella Carter- Johnson, “Una bambina di nome Iris Grace”. La mia passione per i colori e per il conoscere storie di vita diverse dalla nostra, hanno fatto il resto. Per arrivare alle 100 opere realizzate da bambini tra i 4 e gli 8 anni nei laboratori, che hanno dipinto in autonomia ciò che percepivano”.

“Nella primavera del 2018 – continua Alessandra -, insieme ai miei figli Jacopo e Filippo, abbiamo realizzato un’opera condivisa, “Cinema a colori”, una tela unica 160 x 120, un vecchio lenzuolo di lino steso e fermato sul pavimento del terrazzo di casa, trasformato nella nostra tela. Abbiamo utilizzato colori ad acqua e acrilico, dipingendo con le nostre mani, piedi, pennelli, spugne, spruzzi e dando vita a tutta la nostra espressione”.

“Dalla nostra opera – aggiunge – mi è venuta l’idea di uscire da casa per camminare assieme ad altri bambini e bambine di quella età: così, a novembre 2018, è partito il primo laboratorio, passando attraverso il racconto dei luoghi e colori della campagna inglese (Leicestershire) di Iris, avvicinandoci alle storie di Anila e Pietro Bartolo, Anna Frank, il viso di Frida Kalho, la Venere di Botticelli, le opere di Mirò e Kandinskij, passando attraverso dodici laboratori e approdando alle tre opere uniche realizzate assieme, spremendo il colore e facendolo cadere direttamente sulla tela, manipolandolo, stendendolo attraverso gli strumenti a disposizione, rulli, pennelli, spugne, ma soprattutto attraverso la vostra incredibile fantasia”.

«Tutto questo percorso – conclude Alessandra – è arrivato fin qui, esposto in una mostra, la nostra “Oltre a noi”, perché è proprio questo che è avvenuto: la descrizione e l’espressione artistica stimolata dal racconto di storie di vita diverse dalle nostre, oltre alle nostre vite. È stato un grande privilegio poter assistere alle scoperte dei bambini con cui ho interagito”.

La mostra sarà inaugurata sabato 8 giugno alle 11 e resterà visitabile fino al 30 giugno dal martedì alla domenica dalle 10 alle 12 e dalle 18 alle 21.30. Chiuso il lunedì, ingresso libero.

Info: Arci Ravenna: 0544 219721 oppure ravenna@arci.it

Più informazioni su