Aghi di pino a Pinarella: si parla di apicoltura con Cesare Brusi

“Conosciamo il mondo delle api” è il titolo della serata del 20 agosto. Di rilievo la “Smielatura Junior” dedicata ai bambini

Più informazioni su

“Conosciamo il mondo delle api” è il titolo del tradizionale incontro culturale della manifestazione “Aghi di Pino”, in programma mercoledì 20 agosto 2014, alle ore 21, a Pinarella, in viale Emilia, lato pineta. Protagonista dell’iniziativa sarà l’apicoltore Cesare Brusi. Nel corso della serata vi sarà una dimostrazione pratica di smielatura, dedicata in particolar modo ai bambini. La manifestazione “Aghi di Pino” è promossa dalla Pro Loco Terraeventi di Pinarella.

L’apicoltore Cesare Brusi non solo tratterà un argomento di grande attualità, ma con dimostrazioni pratiche condurrà i partecipanti a scoprire i segreti delle api, dell’alveare, i gusti, i sapori e gli odori di un prodotto che ha una storia plurimillenaria. Brusi metterà in evidenza  l’organizzazione sociale complessa delle api, con ruoli ben definiti e compiti differenziati: ape regina, api operaie, fuchi, ecc.
Un piccolo assaggio con la descrizione dei sapori e delle caratteristiche dei vari tipi di miele darà ai partecipanti l’impressione di essere apicoltori per un giorno.

L’iniziativa costituirà anche l’occasione per parlare del contributo di Cesare Brusi al libro di Graziano Pozzetto: “Il miele di Romagna. La vita al “ritmo dell’alveare” degli apicoltori romagnoli. 107 ricette a base di miele” (Ed. ORME/TARKA di Roma). Il libro che riporta una prefazione poetica di Tonino Guerra, contiene appunto testimonianze e contributi di Cesare Brusi e Tiziano Rondinini.

La “Smielatura junior” di Pinarella verrà presentata con un linguaggio semplice e con molteplici riferimenti ed esempi pratici adatti per i bambini, ma anche per un pubblico adulto, curioso di conoscere “i fondamentali” dell’apicoltura.

Non potrà non mancare un riferimento a come inserire il miele nell’ambito di un discorso di sana alimentazione, di corretta educazione alimentare, a cominciare dal dibattito in corso sulle merende per i bambini.

Non potrà mancare un altro riferimento all’attualità,legato alle preoccupazioni che la scomparsa delle api costituisca un segnale d’allarme per l’equilibrio ambientale, per la nostra vita. “Pensiamo solo al ruolo delle api nell’impollinazione – scrivono gli organizzatori – . Nella loro attività di “bottinare”, di raccogliere nettare e polline dai fiori delle piante, le api svolgono una funzione importante di impollinazione incrociata, necessaria per garantire una produzione di quantità e qualità. Senza api non ci sarebbe frutta nelle nostre tavole e l’agricoltura subirebbe un grave collasso, come del resto l’equilibrio ambientale”.

Più informazioni su