Cervia: Stefano Baldisserra è stato investito e lasciato morire. Arrestata la pirata della strada, era sballata

È una tragedia che ha scosso profondamente Cervia e di cui hanno parlato tutti i media nazionali. Nella notte di San Lorenzo, la notte dei fuochi d’artificio che richiamano migliaia di persone sulla spiaggia di Cervia, una notte di festa, un ragazzo torna a casa con la sua bicicletta pedalando in Via Malva Sud, dopo una notte trascorsa in discoteca. Sono circa le 4 di mattina dell’11 agosto. Una ragazza percorre la stessa strada del ragazzo con la sua auto. Nel buio non vede la bicicletta davanti a sé e la colpisce in pieno, trascinandola per decine e decine di metri, pare per circa trecento metri.

Ad un certo punto la bicicletta che era rimasta incastrata sotto la sua auto si stacca, si è ipotizzato che la stessa ragazza possa averla disincastrata. Ma la cosa gravissisima è che non pensa che lì c’è una persona investita che probabilmente ha bisogno di aiuto. Non presta soccorso. Scappa. Sul luogo della tragedia restano pezzi dell’auto che faranno poi risalire la responsabilità dell’accaduto a chi stava guidando quella maledetta Fiat 500 rossa.

All’incirca 30 minuti dopo il terribile impatto un uomo si accorge della bici e di un ragazzo in un lago di sangue ai margini della strada e dà l’allarme. Arrivano sul posto i mezzi di soccorso ma per la vittima non c’era più nulla da fare. È morto così Stefano Baldisserra, 25  anni, magazziniere e portiere della Polisportiva Cervia 2000. Investito e lasciato morire. Una morte crudele.

Le Forze dell’Ordine sono poi riuscite a risalire alla ragazza che guidava la Fiat 500 rossa, Valentina Arrivabene, 28 enne, anche lei di Cervia. È risultata positiva ai test dell’alcol e della cannabis. Pare che non ricordi nulla o così dice. Non ha dunque saputo spiegare il suo comportamento disumano. L’hanno arrestata con l’accusa di omicidio stradale e omissione di soccorso.

Omicidio stradale Cervia 11 agosto 2019

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Maria

    La gente beve e si droga per cosa? Per stare meglio??????? Poi quando succedono queste cose terribili non si ricordano niente????? Spero che non debba mai più avere la patente!!!

  2. Scritto da Nemo

    Vi prego, cercate di immaginare cosa sarebbe successo se il colpevole fosse stato un immigrato africano, non so aggiungere altro …

  3. Scritto da artemio

    Dopo che e’ morto un ragazzo tirar fuori il discorso immigrati e’ veramente meschino

  4. Scritto da Massimo

    Toglie la bici da sotto la macchina e non pensa che ci possa essere lì vicino una persona? Forse a Cervia le bici girano da sole ? Mi è nuova questa. Se invece del ragazzo avesse preso un platano , se ne sarebbe accorta…..dopo averlo tolto da sotto la macchina. E non venite a dire “o poverina chissà che rimorso avrà adesso”. Se non avesse bevuto e fatte delle canne , starebbero tutti meglio. E vivi.

  5. Scritto da PAOLO79A

    X NEMO.
    Cerco di immaginare e non è difficile.
    … Riesco anche ad immaginare anche di avere 2 figli, uno naturale ed uno adottivo ed entrambi problematici. Per il primo troverò una qualche forma di giustificazione, mentre per il secondo ad ogni occasione mi chiederò “chi me l’ha fatto fare ???”.