Terme di Cervia chiudono il 2019 con 27mila utenti provenienti da tutto il nord Italia e dall’estero

Più informazioni su

Sabato 23 novembre infatti si chiuderà la stagione 2019 delle Terme di Cervia, ma sono già in lavorazione i nuovi progetti in vista dell’apertura del prossimo anno, prevista per il 2 maggio.
La stagione appena conclusa è stata all’insegna delle novità, grazie soprattutto all’inaugurazione della piscina termale coperta completamente rinnovata in tre distinti ambienti appositamente studiati per venire incontro ad esigenze differenti: accanto alla vasca termale da 20 metri e alla vasca termale profonda, si può trovare la vasca con Acqua Madre ipertonica, con sodio e cloruri, principali sali disciolti nell’acqua di mare, presenti in concentrazione 5 volte superiore.
Novembre per le Terme di Cervia è anche il mese dei bilanci: gli utenti sono stati più di 27mila, provenienti da tutte le regioni d’Italia. Sul “podio” salgono Emilia-Romagna, Lombardia e Piemonte, con il Veneto in quarta posizione. Dato particolarmente positivo è l’aumento del 22% dei turisti stranieri, dove prevalgono i russi, seguiti, in ordine, da svizzeri, francesi e tedeschi. Impatto positivo si è avuto anche sul flusso turistico, creando un indotto di circa il 10% delle presenze turistiche, consentendo anche un’attività destagionalizzata.
Il bilancio positivo si arricchisce delle 450mila prestazioni termali erogate negli 8 mesi di attività, all’insegna della prevenzione e della salute, con particolare attenzione alle cure dermatologiche grazie all’accreditamento con il SNN per le cure di balneoterapia per problematiche come la psoriasi, eczema, dermatite atopica e dermatite seborroica ricorrente.
Risultati importanti, frutto di un lavoro d’équipe portato avanti da uno staff di dipendenti, professionisti e collaboratori di ben 120 persone, capaci di consigliare ed indirizzare per il più corretto percorso di cura e riabilitazione, seguendo il cliente passo dopo passo e nel raggiungimento degli obiettivi. A completare il quadro dei risultati positivi anche i più di 50 incontri di divulgazione scientifica, i congressi di respiro nazionale su Terme, Turismo e Territorio e il sostegno alle più importanti manifestazioni sportive della città come la Ravenna Mi Ma Off Road e l’Ecomaratona del Sale.

Più informazioni su