Medri (sindaco Cervia): migliaia di persone sul nostro litorale. Due esercizi sanzionati per mancato rispetto delle normative

Soddisfazione per l’Oasi di Milano Marittima: sperimentazione riuscita

Un ponte di prova importante per la città, che dopo il lockdown è ripartita velocemente e ha messo in campo nuove idee per riaprire in sicurezza. L’Oasi di Milano Marittima è stata una sperimentazione riuscita e ha permesso di gestire una situazione che altrimenti sarebbe stata difficile. Due sono stati gli esercizi sanzionati, perché non rispettavano le norme stabilite. Sulla Spiaggia sono stati controllati tutti e 300 gli stabilimenti balneari.

Il primo weekend di questa fine primavera ha premiato gli sforzi di quegli imprenditori che hanno rischiato aprendo i loro esercizi, rispettando le norme e le regole fissate dai vari decreti e ordinanze – ha dichiarato il Sindaco di Cervia Massimo Medri -. Migliaia di persone si sono riversate sul nostro litorale alla ricerca di un po’ di relax e di ottimismo. Forse questo afflusso, inaspettato nelle dimensioni, ha colto qualcuno alla sprovvista, ma in generale la località ha tenuto e non ci sono stati grandi problemi. Le attività produttive hanno potuto sfruttare gli spazi pubblici messi a disposizione e hanno igienizzato i loro servizi nel miglior modo possibile. I controlli sella Polizia Locale e delle Forze dell’Ordine hanno ridotto al minimo i fenomeni negativi”.

Qualche problema si è creato nel deflusso del traffico, come in tutta la costa adriatica; ma questo è dovuto al picco di presenze, per fortuna, nella giornata del 2 Giugno – prosegue Medri -. Casi di assembramento spontaneo inevitabilmente si sono verificati in alcune situazioni, dovuti a sensibili concentrazioni di persone e causati da comportamenti individuali sui quali è difficilissimo, se non impossibile, intervenire”.

Il primo cittadino spiega che sono state rilevate anche zone del litorale dove non sempre sono state rispettate le regole da parte di alcuni gestori e dagli avventori di certi locali. Sono intervenuti gli agenti delle Forze dell’Ordine, con sanzioni e provvedimenti consentiti dalla legge. A tale riguardo Medri assicura che da parte dell’amministrazione vi è la volontà di proseguire con questa linea di controllo, tesa a perseguire gli eccessi e a colpire duramente i trasgressori, in particolare se sono recidivi. “Vogliamo anche continuare a insistere con alcune sperimentazioni sul territorio, come l’Oasi di Milano Marittima, per alzare la qualità complessiva dell’offerta ed estirpare fenomeni degenerativi, come l’abuso di alcolici e comportamenti individuali, che deturpano l’immagine generale della città” ha concluso.