Quantcast

Accordo unanime del Consiglio comunale di Cervia sulle proprietà immobiliari Cassa Depositi e Prestiti “entrino nelle disponibilità del Comune”

Il Consiglio comunale di Cervia ha approvato all’unanimità un Ordine del Giorno con cui impegna Sindaco e Giunta a intraprendere ogni misura per trovare un accordo sulle proprietà immobiliari di Cassa Depositi e Prestiti presenti sul territorio cervese, come case dei Salinari, Area Borgo Saffi, area canalino, colonia Montecatini, complesso direzione saline. Tutti beni che non sono di proprietà del Comune di Cervia e necessitano di un programma i recupero.
Nell’OdG Gianni Grandu, Presidente del Consiglio Comunale di Cervia, a nome di tutti i consiglieri, ha chiesto di trovare un accordo tra comune e CDP affinchè questo “prezioso patrimonio immobiliare possa rientrare nelle disponibilità del Comune”.

In seguito alla votazione unanime, il Presidente del Consiglio Comunale di Cervia ha commentato “esprimo il mio apprezzamento per il raggiungimento di ordine del giorno comune, avente per oggetto le proprietà immobiliari della Cassa Depositi e Prestiti, concordato con tutti i capigruppo e successivamente approvato da tutto il Consiglio comunale all’unanimità, su un tema così importante e delicato che riguarda la nostra città”.

“Avere trovato la condivisione è un segnale di grande responsabilità politica su questo tema che dimostra maturità e consapevolezza del ruolo di tutti i  consiglieri di maggioranza e opposizione – prosegue -. Questa proposta è dunque una soluzione equa che tiene conto anche dei residenti degli immobili dell’ex Monopoli di Stato in particolare delle famiglie indigenti”.

“L’ordine del giorno unitario invita il Sindaco e la Giunta a intraprendere tutte le misure che le competono per cercare di trovare un accordo con Cassa Depositi e Prestiti, affinché questo prezioso patrimonio immobiliare possa rientrare, in tutto o in parte, nelle disponibilità del Comune e del territorio, sulla base delle indicazioni che arriveranno anche dalle competenti Commissioni consiliari con il coinvolgimento di tutto il Consiglio comunale – prosegue -. E’ una bella pagina di politica per la città come lo è stata in altre occasioni e su altri temi affrontati in Consiglio comunale”.

“Ora dunque lasciamo continuare a lavorare l’amministrazione che, peraltro, come detto dal Sindaco nel dibattito, non si è mai fermato, e ogni gruppo politico può dare il suo contributo in tal senso” conclude.