Scomparsa dell’ex sindaco Assirelli: il cordoglio dal mondo politico

Più informazioni su

Domani si svolgeranno i funerali di Elio Assirelli.
Il presidente della Provincia di Ravenna, Francesco Giangrandi, ha
inviato un telegramma di cordoglio alla moglie di Assirelli, signora
Virginia e alle figlie Luisa e Maria Teresa.
Nel messaggio Giangrandi, tra l’altro, ha scritto: "In questo triste
momento per la Vostra famiglia desidero che Vi giungano le mie più
sentite condoglianze per la scomparsa di Elio.Tutta la comunità
provinciale ha avuto modo di apprezzare le sue grandi qualità di
amministratore pubblico e animatore culturale".

"Lui ha accompagnato e guidato, almeno per quanto mi riguarda fin dalla
giovinezza, la formazione di molti di noi.Vi sia di consolazione sapere
quanto bene lascia alle sue spalle e quanti continueranno a fare
riferimento al suo esempio morale e civile". 

Il Partito Democratico di Faenza appresa la notizia della scomparsa del
sen. Elio Assirelli, sindaco di Faenza dal 1956 al 1972, senatore della
Repubblica dal 1972 al 1979, desidera esprimere il profondo cordoglio
del Partito alla moglie Virginia, alle figlie Luisa e Maria Teresa, ai
nipoti, agli altri suoi familiari.

Uomo di profonde convinzioni morali, attivo nella resistenza antifascista, aveva organizzato le prime riunioni clandestine dei cattolici, aderendo e fondando in seguito la Democrazia Cristiana faentina. Negli anni del dopoguerra partecipò all’attività sindacale fondando a Faenza la CISL in cui ricoprì la carica di segretario.

Fu negli anni che vanno dal 1956 al 1972 sindaco della nostra città, ruolo in cui si distinse per la particolare attenzione che pose nei confronti delle fasce più deboli della società. Durante il suo mandato l’amministrazione si distinse per il particolare impegno rivolto nella modernizzazione di Faenza sviluppandola economicamente e dando risposte ai bisogni della popolazione dopo i difficili anni del dopoguerra.

Servì la città sia come Senatore a Roma sia negli anni successivi impegnandosi alla guida di enti, cooperative, istituzioni fino al giorno della sua scomparsa. La sua rettitudine morale, l’avere operato generosamente e senza alcun interesse personale rappresenta un esempio per come la politica possa essere anche un modello di serietà, di impegno e di servizio.

Anche il Pdl faentino esprime cordoglio. "La morte del Senatore Assirelli, grande Sindaco di Faenza ci addolora e ci induce ad una profonda riflessione – sottolinea Rodolfo Ridolfi -.

Il PdL faentino è sinceramente addolorato per la morte del Sen. Assirelli che ha rappresentato per la città di Faenza un grande momento di sviluppo e crescita civile.
Voglio esprimere, anche a nome del coordinatore provinciale del PdL Gianguido Bazzoni, il nostro sincero cordoglio alla famiglia ed a quanti lo ebbero vicino".

"Assirelli rappresentò un momento di grande amministrazione della città, non solo nelle opere correnti, ma soprattutto nell’immaginazione e progettazione di un futuro di grande qualità e fece tutto questo avendo ben chiara la collocazione moderata ed il mantenimento di una netta distinzione con le forze comuniste ed estremiste, portatrici solamente di fumosità, affari e realizzazioni pasticciate – continua Ridolfi -.
Proprio il contrario delle amministrazioni che si sono succedute a Faenza negli ultimi 15 anni, che hanno riportato la città indietro fino a trasformarla in un "paesone di campagna".
Vorremmo ricordare il Sen. Assirelli proprio in questo: chiedendo ai cittadini di Faenza di riscoprire il suo spirito fattivo, la sua onestà e la sua capacità di apportare progresso e non arretramento".

Anche l’Unione di Centro
Comitato Comunale di Faenza
esprime il proprio cordoglio nelle parole del Segretario
Massimiliano Dapporto: "La dolorosa notizia della scomparsa del Sen. Elio Assirelli, ha colpito la comunità faentina, tuttavia il nostro partito lo ricorda con estremo cordoglio ad ammirazione e si unisce al dolore della famiglia, tutta.
Il Comitato Comunale dell’Unione di Centro intende ricordare i momenti importanti che il Sen. Assirelli ha significato per la comunità faentina, prima come sindaco della città, dove ha contribuito al grande sviluppo della città, ponendo particolare attenzione agli aspetti economici, ed alle attività sociali; poi successivamente, svolgendo l’attività politica in Parlamento.
La vita politica del Sen. Elio Assirelli è sempre stata contraddistinta da una passione innata che si è manifestata nell’enorme amore dimostrato per la città di Faenza.
Rappresentando l’UDC a livello Comunale, intendo manifestare le più sentite condoglianze alla famiglia del Sen. Elio Assirelli, a titolo personale e dell’intero Comitato Comunale del partito".

Più informazioni su