Quantcast

Consorzio Bonifica Romagna Occidentale: interventi post emergenza per oltre 1.400.000 euro

Più informazioni su

È stato inviato come previsto all’Agenzia regionale di Protezione civile un primo elenco delle opere urgenti da eseguire sulla rete scolante e sugli impianti del Distretto di Pianura del Consorzio di Bonifica della Romagna Occidentale a seguito degli eventi meteorologici del 5 e 6 febbraio.

Mentre il personale del Consorzio è all’opera sui primi sei interventi di somma urgenza resi necessari dalla fase critica dell’emergenza per 300.000 euro, sono quindici le ulteriori opere urgenti da realizzare nel corso delle prossime settimane, per oltre un milione di euro.

 

Tali opere sono necessarie per riportare al più presto condizioni di sicurezza in tutto il territorio, ma – come anticipato nei giorni scorsi dal presidente Alberto Asioli – sarà poi fondamentale intervenire con il finanziamento di opere strutturali, ad esempio la costruzione di nuove casse di espansione e l’ampliamento di quelle esistenti, in modo da permettere alla rete scolante del Consorzio di ridurre il grado di rischio idraulico nel caso di eventi eccezionali come quello del 6 febbraio.

Il costo complessivo delle ventuno opere urgenti è di 1.403.000 euro, così suddiviso in base ai comuni in cui i lavori si stanno svolgendo e si dovranno svolgere: Ravenna 410.000 euro, Conselice 340.000, Lugo 241.000, Bagnacavallo 185.000, Alfonsine 165.000, Cotignola 50.000, Imola 12.000.

 

La più significativa tra le quindici opere previste nelle prossime settimane (200.000 euro) è relativa al ripristino dell’argine destro del Canale di bonifica in Destra di Reno in località Mandriole, nel comune di Ravenna. Nello stesso comune è previsto un altro intervento per proteggere l’entroterra dalle mareggiate a Casal Borsetti.

 

Nel comune di Conselice è in programma il ripristino (170.000 euro) sempre del Canale di bonifica in Destra di Reno, ma questa volta sull’argine sinistro in fregio alla via Buonacquisto, anch’esso danneggiato da una frana. Ancora a Conselice si procederà al ripristino dell’argine destro del Canale di bonifica in Destra di Reno a 200 metri dalla botte Selice e dell’argine destro dello scolo Zaniolo, per 570 metri a valle dell’impianto irriguo Tarabina.

 

A Lugo si lavorerà per realizzare un rialzo dell’argine dello scolo consorziale Canaletta di Budrio nei tratti in fregio alla via San Giorgio e alla via Madonna delle Stuoie e per la ripresa di una frana sull’argine sinistro del Canale dei Mulini a valle della via Sant’Andrea. Si procederà poi al ripristino degli argini dello scolo Tratturo, immediatamente a monte e a valle della via Chiese Catene e alla sostituzione della pompa dell’impianto idrovoro Frata.

 

A Bagnacavallo sono in programma la realizzazione di un fosso per la raccolta delle piogge eccezionali dell’area urbana all’incrocio tra via Bandiera e via Redino Inferiore e il ripristino dell’argine destro dello scolo consorziale Secondo della Rossetta.
Nel comune di Alfonsine sono previsti il ripristino dell’argine destro dello scolo San Giuseppe alla foce in Destra di Reno e dell’argine sinistro del Canale di bonifica in Destra di Reno davanti all’idrovora Tratturo.

Un ulteriore intervento riguarderà la ripresa di una frana sullo scolo consorziale Brignani, in località Zagonara, nel comune di Cotignola.
Infine, il Consorzio procederà alla ripresa di frane sull’argine destro dello scolo Gambellara tra l’A14 e la via Budriese, nel comune di Imola.

Ricordiamo che i primi sei interventi di somma urgenza in corso di svolgimento, di cui si era già data notizia nei giorni scorsi, riguardano, nel territorio del comune di Ravenna, il ripristino dei canali scaricatori degli impianti idrovori denominati Primo e Secondo Bacino, a Mandriole e Casalborsetti, necessari per mettere in sicurezza allevamenti di bestiame e impianti di cogenerazione e, nel caso del Secondo Bacino, anche alcune case in prossimità dell’abitato di Casalborsetti.

 

Sempre nel comune di Ravenna un intervento urgente è relativo al ripristino della chiavica nel Canale di bonifica in Destra di Reno dello scolo Marcaccina, presso l’abitato di Sant’Alberto.
Si sta operando poi per il ripristino delle rotture arginali verificatesi negli scoli consorziali Canal Vela ad Alfonsine (dove si lavora anche al ripristino dell’impianto idrovoro Ballirana, sommerso sempre dalla rotta del Canal Vela) e Fosso Vecchio a Villa Prati di Bagnacavallo.

Per quanto riguarda infine il Distretto Montano del Consorzio, l’elenco delle opere urgenti verrà stilato nei prossimi giorni, non appena lo scioglimento dell’abbondante neve caduta la scorsa settimana renderà possibile una valutazione precisa dei danni occorsi.

Più informazioni su