Quantcast

In maggio a Faenza e in altre 36 città italiane tre giorni dedicati alla ceramica

Dal 29 al 31 maggio porte aperte dal mattino fino a notte in tutta Italia con eventi, mostre, performance: Buongiorno ceramica!

Più informazioni su

Annunciata e presentata oggi in conferenza stampa a Faenza Buongiorno ceramica!, la prima edizione della “tre giorni” di aperture straordinarie, eventi, mostre, performance, che si svolgerà in 37 città della ceramica dal 29 al 31 maggio, evento promosso dalla AiCC in collaborazione con Artex. Una grande sfida per condividere e far conoscere e godere una delle più belle eccellenze artigianali ed artistiche del “made in Italy”.

“Protagonisti del lungo weekend della ceramica che coinvolgerà 15 regioni italiane, 37 comuni di Antica Tradizione con oltre 100 eventi aperti al pubblico gratuitamente – illustra Giuseppe Olmeti, direttore e coordinatore di AiCC in apertura. – Tutti apriranno le porte di musei, atelier, forni, botteghe per visite guidate alle collezioni, mostre, dimostrazioni, corsi di tornio, decorazioni, laboratori incontri coi maestri, piccoli concerti, performance d’artisti, fino a piccoli mercati, aperitivi, degustazioni di vini e prodotti tipici, animazioni, sviluppando un indotto di creatività che coinvolgerà sempre anche i più piccoli e i bambini”.

E il Presidente AiCC Stefano Collina entra nel merito degli obiettivi dell’iniziativa che parte quest’anno: “Buongiorno Ceramica! è un progetto in cui protagoniste saranno tutte le città che vorranno impegnarsi, affinché altrettanti territori possano dimostrare come la forza e la passione collettiva sappiano produrre un buon risultato. Buongiorno Ceramica! rappresenta un nuovo punto di partenza della promozione e valorizzazione – culturale, economica e produttiva – della ceramica nazionale”.

Una fetta di patrimonio storico e artistico che non si conosce ancora abbastanza e che nei tra giorni di fine maggio si presenterà al pubblico in tutte le sue sfaccetature. Ha posto l’accento proprio sull’importanza della comunicazione Anty Pansera, nota storica e critica delle arti decorative e design: “In Italia, dagli stessi italiani, la ceramica purtroppo è molto sottovalutata. Il patrimonio da preservare, soprattutto da far conoscere, da valorizzare è davvero “imponente” e di valore. Patrimonio di competenze, poi, da rilanciare in un’ottica anche economica. Riuscire a mettere insieme per un progetto simile così numerose e sfaccettate realtà è un’ottima operazione. La ceramica deve trovare una sua voce, deve farsi conoscere e l’AiCC in questo senso sta impegnandosi non poco con un lavoro davvero apprezzabile”.

Jean Blanchaert, gallerista, esperto di arti applicate, ha sottolineato l’unitarietà e la trasversalità della ceramica in Italia. “Garibaldi quando ha unificato l’Italia non immaginava di mettere insieme anche un incredibile mondo ceramico: dal Piemonte alla Sicilia, dal Veneto alla Campania, dalla Liguria alla Romagna, all’Abruzzo e così via. L’Italia infatti oltre che unificata nella lingua è unificata anche nella ceramica. La ceramica, molto più di altri materiali, penso ad esempio al vetro, circoscritto ad alcune aree, è uno dei linguaggi comuni.”

Sia Blanchaert che Pansera poi non hanno esitato ad evidenziare quanto vitale sia la ricerca contemporanea nel settore, e quanti giovani artisti e designer emergeranno in un’iniziativa come questa che vede coinvolti proprio gli atelier e le gallerie anche di settori più innovativi, come per esempio la gioielleria in ceramica rappresentata da artiste-designers tra le più significative.

Un linguaggio infatti che ha tuttora grande vitalità, per Blanchaert: “Oggi  il nostro migliore artigianato artistico resiste alla crisi etica ed estetica e continua ad essere apprezzato dagli artisti di tutto il mondo che vengono in Italia, a Faenza come a Vietri per esempio, proprio per il valore e l’energia creativa che ancora trovano in questi centri di produzione artistica della ceramica”.

“Quanto ai programmi delle singole città tutte riunite in un’unica comune cornice d’insieme, al tempo stesso tutte tese a sottolineare e valorizzare le specificità e le identità delle singole tradizioni, tiene a precisare Elisa Guidi, vicedirettore di Artex, stanno arrivando già da molte città i palinsesti dei tanti appuntamenti previsti da ognuna. Fanno tutti perno sull’intersettorialità intrecciando la ceramica con i beni culturali, il paesaggio, il turismo, l’enogastronomia. Sono tutti all’insegna di una forte creatività e originalità: lo spirito è quello di una grande festa, popolare per certi versi, e raffinata al tempo stesso. Il mood complessivo è molto contemporaneo e all’insegna di una trasversalità e del mix di diverse espressioni creative.
Penso per esempio, solo per citarne una, tra le tante, a FishArt U Pèscio ad Albissola Marina dove 50 artisti dipingeranno contemporaneamente un piatto in ceramica con tema il pesce, su un unico, lunghissimo tavolo di legno posto nel centro storico. Parallelamente sarà servito streetfood rigorosamente ligure”.

E anche Faenza, città culla della tradizione ceramica, vedrà, nell’anno dell’Expo, un esplicito abbinamento ceramica e gusto, come ha raccontato Massimo Isola, Assessore alla Cultura della città emiliana. In particolare, “una serie di talk e incontri con chef e ceramisti, alla scoperta di affascinanti connessioni tra ceramica e cibo, partendo da elementi comuni quali impasto, colore e forma. E stiamo preparando una sorpresa per domenica sera, ancora tra ceramica e cibo, a chiudere la tre giorni di eventi”.

Dalle 10.00 alle 24.00 – Ingresso gratuito – info@buongiornoceramica.itwww.buongiornoceramica.it

Le città coinvolte: Albisola Superiore, Albissola Marina, Ariano Irpino, Ascoli Piceno, Assemini, Bassano del Grappa, Burgio, Caltagirone, Castellamonte, Castelli, Cava dei Tirreni, Cerreto Sannita, Civita Castellana, Deruta, Este, Faenza, Grottaglie, Gualdo Tadino, Gubbio, Impruneta, Laterza, Laveno, Lodi, Mondovì, Montelupo Fiorentino, Napoli, Nove, Oristano, Orvieto, Pesaro, San Lorenzello, Santo Stefano di Camastra, Sciacca, Sesto Fiorentino, Squillace, Urbania, Vietri sul Mare.

Il programma di Buongiorno ceramica! previsto a Faenza

Più informazioni su