Quantcast

Passa la fresa più grande d’Europa: strade chiuse tra il Porto di Ravenna e l’autostrada

Sabato e domenica previste chiusure temporanee e modifiche alla viabilità per consentire il transito dei tre convogli che trasportano il Tunnel Boring Machine (TBM) fino a Barberino del Mugello, per completare la viariante di valico

Più informazioni su

Viabilità Italia informa che nelle notti del 12 e del 13 novembre tre convogli stradali percorreranno le vie principali che collegano il porto di Ravenna alla viabilità autostradale, fino a raggiungere la destinazione di Barberino di Mugello, in Toscana. La movimentazione riguarderà le prime parti della fresa meccanica o TBM (Tunnel Boring Machine) più grande d’Europa, con un diametro finale di 15,87 metri ed un peso complessivo di circa 4800 tonnellate, che sarà utilizzata per la perforazione della galleria “Santa Lucia”, a completamento del tracciato della A1 – Variante di Valico tra Bologna e Firenze.

“La fresa più grande d’Europa – sottolinea anche Sapir in un comunicato – è un vanto anche per il Porto di Ravenna. La Fagioli SpA, che in collaborazione col suo transitario locale, Casadei & Ghinassi srl, ha curato il trasporto prima nella parte marittima, dalla Germania a Ravenna, e ora in quella stradale, da Ravenna a Barberino, ha infatti trovato nel nostro scalo, e specificamente negli spazi e nelle dotazioni del terminal Sapir, dove la fresa è stata sbarcata nei giorni scorsi, e nel personale tecnico e operativo della stessa Sapir e della Cooperativa Portuale, il supporto necessario per un’operazione così complessa”.

“Tra le componenti sbarcate – continua la nota -, per un totale di 2.000 tonnellate, spicca il “main drive”, 320 tonnellate, peso davvero eccezionale per le normali tipologie di merci che transitano nei porti italiani”.

La peculiarità delle dimensioni dei tre convogli, con lunghezza compresa tra i 68 metri – il più lungo – e i 28 metri – il più corto –, con larghezza fino a 9,30 metri  e con peso tra  le  180e  le  544 tonnellate, determinerà  l’adozione  di drastiche misure  di regolamentazione del traffico, a tutela della sicurezza della circolazione.

Il treno  di  convogli sarà scortato per l’intero viaggio dalle pattuglie della Polizia Stradale, mentre le società “Autostrade per l’Italia SpA” ed “ANAS SpA” attueranno il piano operativo, già concordato con le autorità provinciali di pubblica sicurezza, che prevede  interdizioni  e  deviazioni  del  traffico,  con  presidio  alle  intersezioni  da  parte delle forze di polizia del territorio, per assicurare l’ordinato svolgersi delle operazioni di trasporto in assoluta sicurezza.

La  velocità  massima  autorizzata  per  i  convogli  è  di  20  Km/h,  ridotta  a  5  Km/h  sui viadotti, ove potrà transitare un solo convoglio alla volta. Questo il  dettaglio  delle  misure  di  regolamentazione  del  traffico  previste nelle  due nottate:

Sabato 12 novembre:

I  tre convogli  seguiranno il  percorso  compreso tra  il Porto di  Ravenna – Varco  San Vitale (RA) e un’area di cantiere prima di Sasso Marconi in A1 in direzione di Firenze, in un tempo stimato di 9 ore (tra le ore 20.00 e le successive ore 6.00). Dalle ore 20.00, ed in progressione oraria in ragione dell’avanzamento su strada, verranno disposte interdizioni del traffico sulle seguenti tratte:
– entrambe le carreggiate della SS 67, e tutti gli svincoli di accesso su tale arteria, dal porto di Ravenna – Varco San Vitale sino all’innesto con la SS 16;
– entrambe le carreggiate della SS 16, e tutti gli svincoli di accesso su tale arteria, dall’innesto della SS 67 sino all’innesto in autostrada A14 Dir (quadrifoglio) ove l’arrivo è previsto intorno alle ore 24.00;
– carreggiata verso Bologna/Ancona dell’autostrada A14 Dir e tutti gli svincoli di accesso su tale strada, dall’innesto SS  16 sino  alla immissione  in A14 verso Bologna;
– carreggiata verso Bologna dell’autostrada A14 (il traffico proveniente da Ancona verso Bologna sarà  fatto uscire obbligatoriamente a Faenza; saranno chiuse le immissioni in A14 verso  Bologna  dai  caselli  di  Imola,  Castel  San  Pietro,  San Lazzaro, Fiere);
– chiusura in ingresso, dalle ore 21.00, delle aree di servizio Sant’Eufemia della A14 Dir, Santerno Est e Sillaro Est della A14;
– Tangenziale Nord di Bologna, intero tratto;
– carreggiata verso Bologna dell’autostrada A13 con uscita obbligatoria a Bologna Interporto e chiusura dell’immissione per Bologna;
– casello di Arcoveggio;
– Raccordo  Autostradale  Ramo  di  Casalecchio  verso  Firenze/Milano  e  chiusura del casello di Casalecchio in entrata;
– carreggiata verso  Bologna dell’autostrada A1 con  realizzazione  di  uscita obbligatoria a Sasso Marconi ed interdizione dell’immissione verso Bologna;
– carreggiata verso Firenze dell’autostrada A1 con realizzazione di immissione obbligatoria sul ramo di Casalecchio;
– Ramo di Casalecchio dell’autostrada A1 verso Firenze;
– area di servizio Cantagallo Est.

“Autostrade per l’Italia SpA” ed “ANAS SpA” hanno previsto deviazioni del traffico su percorsi alternativi con indicazioni in loco. Dopo il transito dei trasporti eccezionali ed il ripristino delle condizioni di sicurezza, le chiusure verranno progressivamente rimosse.

Domenica 13 novembre:

Con partenza alle ore 21.00, i convogli seguiranno il percorso compreso tra un’area di cantiere in A1 prima di Sasso Marconi in direzione di Firenze, e Barberino di Mugello (FI), con un tempo stimato di 6 ore (arrivo previsto alle successive ore 03.00).

Le  interdizioni  temporanee  del  traffico  interesseranno  l’autostrada A1 da  Bologna verso Firenze, sino all’innesto sulla A1- Variante di Valico, con deviazione di tutto il traffico sul tracciato storico ora denominato “Panoramica”. Queste, in  dettaglio, le tratte
autostradali interessate dalle chiusure progressive della circolazione:
– carreggiata  dell’autostrada A1 verso  Firenze  (per  il  traffico  proveniente  da Milano, uscita obbligatoria verso il ramo di Casalecchio);
– chiusura dell’immissione verso Firenze dal casello di Sasso Marconi;
– chiusura dell’area di servizio Cantagallo Ovest;
– A1
– Variante  di  Valicoverso sud con chiusura dell’immissione  dal  casello  di Badia verso Firenze;
– chiusura in ingresso dalle ore 21.00 dell’area di servizio Badia;
– chiusura dell’immissione verso Firenze dal casello di Roncobilaccio;
– chiusura dell’area di servizio di Roncobilaccio.

Regolazioni  del  traffico  saranno  effettuate  da  pattuglie  della Polizia  Stradale  in funzione  di safety car,  in  collaborazione  con  il
personale  del  servizio  viabilità  di “Autostrade per l’Italia SpA”.

Ricordiamo la disponibilità dei seguenti percorsi alternativi:
– Durante  la  chiusura  dei  tratti di A14 compresi  tra  Faenza  e  Bologna  Fiera  in direzione Nord si consiglia la SS9 (Via Emilia).
– Durante la chiusura del raccordo di Casalecchio e del tratto di A1 Casalecchio-Sasso  Marconi,  si  consiglia  come  percorso  alternativo  per  chi  proviene  da Firenze,  uscita  Sasso  Marconi  e  rientro  a  Casalecchio  attraverso  la  SS64 (Porrettana). Per chi percorre l’A1 ed è invece diretto a Firenze, il percorso inverso ovvero uscita Casalecchio con rientro a Sasso Marconi sempre attraverso la SS64. Per chi proviene dall’A14 ed è diretto a Firenze, uscita Bologna Borgo Panigale con rientro a Sasso Marconi attraverso la SS64.

Più informazioni su