Bilancio di previsione 2018: soddisfazione di Cgil Cisl e Uil per l’accordo raggiunto con de Pascale

Più informazioni su

Cgil Cisl Uil in una nota esprimono soddisfazione per l’accordo sottoscritto con il Sindaco del Comune di Ravenna in merito alle politiche per lo sviluppo, l’occupazione, la coesione sociale ed il Bilancio di previsione 2018. Attraverso questa intesa si traccia un piano di lavoro condiviso sulle priorità di mandato che mette al centro gli investimenti pubblici, finalizzati al miglioramento infrastrutturale, alla messa in sicurezza e alla salvaguardia del territorio comunale. 

Si tratta di impegni importanti sia per il rilancio dell’economia territoriale che dell’occupazione: circa 54 milioni di euro, che possono contribuire a consolidare la debole ripresa, e che devono essere investiti dando applicazione agli impegni assunti in materia di appalti, per garantire legalità, qualificazione del sistema produttivo, qualità e continuità dell’occupazione. Altro tema centrale riguarda le politiche sociali, che dovranno trovare attuazione attraverso la nuova pianificazione triennale prevista dalla Regione, da approvare previo confronto sindacale. Le priorità riguardano gli interventi di contrasto delle povertà, il sostegno alla genitorialità ed all’infanzia, la disabilità e la non autosufficienza.

Novità assoluta e qualificante dell’intesa raggiunta – prosegue la nota – è l’introduzione strutturale di un fondo minimo di euro 150.000 destinato a finalità sociali. Per il 2018 viene confermato l’impegno sui servizi educativi e viene data priorità alla definizione di un “pacchetto” di misure di accompagnamento dei nuclei familiari da utilizzare in modo integrato nella fase di maggiore concentrazione degli oneri connessi alla genitorialità. La strutturazione di tale pacchetto sarà discussa a partire dalle prossime settimane. L’insieme degli impegni assunti delinea un percorso di confronto continuo con il Comune, che dovrà garantire piena coerenza attuativa, sia sui tempi che sugli obiettivi condivisi per offrire concrete opportunità di sviluppo per il territorio, nuova occupazione stabile e di qualità e sostegno alle fasce più deboli della popolazione. Le risorse individuate da questa intesa, unitamente a quelle destinate all’approfondimento dei fondali del porto e a quelle relative al sistema ferroviario determinano le condizioni per aprire una nuova fase di riflessione condivisa con tutte le forze sociali e produttive sul rilancio del sistema economico territoriale.

Più informazioni su